La prima e l’ultima GTI scaleranno la celebre “hill” per festeggiare i quarant’anni

Sono passati quarant’anni e si vedono tutti. Ma si può stare certi che l’affetto del competente pubblico inglese sarà tutto per l’arzilla vecchietta MKI, la prima Golf GTI, quella del 1976. Non che la Clubsport S presentata di recente al Worthersee Meeting abbia poco da dire, con i suoi 310 CV e un setup affinato sul vecchio Nurburgring (di cui detiene il record di categoria), ma il fascino del vintage è sempre molto forte, specialmente nel corso di eventi come il Goodwood Festival of Speed. Proprio, qui, nella costa meridionale del Regno Unito, il marchio tedesco porta entrambe le vetture e le affida alle mani del due volte vincitore della 24 Ore di Le Mans Hans-Joachim Stuck, che le porterà in cima alla celebre collina.


L’adrenalina è destinata a salire ulteriormente quando sarà il turno della VW Polo R WRC, quella plurititolata nel campionato del mondo rally grazie a Sebastien Ogier. A Goodwood sarà il finlandese Jari-Matti Latvala a far divertire i fan; uno che comunque ha vinto nove gare WRC, al volante di questa auto. La presenza di VW al Goodwood Festival of Speed si allarga poi a una rassegna di Golf GTI, per apprezzarne l’evoluzione nel corso di 4 decenni, e arriva fino alla Golf GTE Sport concept, ovvero una possibile ispirazione per la Golf GTI del futuro.

Volkswagen Golf GTI, sulla collina di Goodwood