Il nuovo V8 dovrebbe perdere la distribuzione ad aste e bilancieri per un più moderno doppio albero a camme

Le persone a cui sarà capitato di vederla apparire negli specchietti avranno pensato magari di trovarsi nel mezzo di una gara endurance. Questo perché la nuova generazione della Corvette ZR1 ha le sembianze di una vera auto da corsa, per effetto delle enormi appendici aerodinamiche, segno inequivocabile di prestazioni ben superiori alla media: la sportiva statunitense non a caso dovrà vedersela con la futura variante estrema della Ferrari 488 GTB e con la Lamborghini Huracan Performante. L’aspetto senza compromessi della ZR1 è ben visibile nonostante la coupé stia effettuando in questo periodo i tradizionali test di sviluppo, concentrati in particolare sul circuito tedesco del Nurburgring, dove i collaudatori avranno intimorito e “sverniciato” qualche ignaro appassionato al volante della sua “normale” sportiva. Il suo arrivo è atteso fra le fine del 2017 e l'inizio del prossimo anno.


L'ala posteriore farà invidia alle 911 GT3


E’ proprio sugli esemplari di prova che abbiamo basato la nostra ricostruzione grafica della Corvette ZR1, sportiva attesa nel 2018 che avrà prestazioni non troppo lontane da una vettura da corsa. Il nuovo modello, come la vecchia generazione, diventerà la Corvette più veloce e impegnativa da guidare fra quelle in vendita. Il suo potenziale emergerà chiaramente fin dal primo sguardo: la ZR1 avrà un cofano anteriore dalle scalfiture più marcate, prese d’aria maggiorate nel fascione anteriore e un’ala posteriore che nulla invidierà alla Porsche 911 GT3. Non dovrebbero mancare poi dettagli come il tetto a contrasto e la piastra nera sul cofano anteriore, che indicherà la posizione esatta del motore a 8 cilindri. I tecnici della casa statunitense dovranno lavorare anche sull’impianto di scarico, in maniera da renderlo più “civile” rispetto agli ultimi test: la Corvette ZR1 è stata fotografata al Nurburgring con deviatori sui terminali per filtrare la voce del motore e rispettare le soglie in termini decibel.


Oltre 650 CV e doppio albero a camme


La nuova generazione della ZR1 non va scambiata per un semplice affinamento della Corvette già in vendita, sulla quale è basata, perché i tecnici della casa statunitense dovrebbero utilizzare per l’occasione il nuovo motore V8 sovralimento da 6.2 litri (chiamato internamente LT5): la cilindrata sarà identica al vecchio modello, ma secondo le informazioni che abbiamo raccolto verrà eliminata la storica distribuzione monoalbro ad aste e bilancieri in favore del più moderno doppio albero a camme. Questa novità, se confermata, va intesa alla pari di una vera rivoluzione: la Corvette si avvicina a livello tecnico alle sportive europee e perde una tecnologia che alcune vetture statunitensi non hanno mai abbandonato. La potenza dovrebbe superare di slancio i 650 CV, mentre il cambio dovrebbe essere o manuale a 7 rapporti o automatico a 8.

Fotogallery: Corvette ZR1, uno strappo alla tradizione in nome della potenza