Le immatricolazioni raggiungono i livelli del 2009. Nissan, Toyota, PSA e Renault i gruppi più in forma

Tantissimi italiani sono andati in vacanza nei mesi estivi, ma qualcuno non ha perso occasione per comprarsi l'auto nuova e anche questi non sono pochi. I dati di immatricolazione di auto nuove in Italia nel mese di agosto 2017 segnano infatti una crescita del 15,8% rispetto allo scorso anno. Le 83.363 vetture vendute rappresentano in termini di volume il miglior risultato dal 2009 ad oggi; in realtà non sono i privati ad aver reso possibile questo risultato, visto che le vendite sono praticamente stabili al +0,6%, ma come sempre il canale del noleggio (+41,8%) e delle società (+50,2%). Il totale da inizio anno arriva ormai a quota 1.366.389, ovvero il 9,1% in più rispetto ai primi otto mesi del 2016.


Su ibride e GPL


Gli ottimi risultati di questo "caldo" agosto 2017 si possono scomporre per alimentazione e mostrano come le auto alimentate da carburanti tradizionali continuano a perdere terreno: -1% a benzina e -1,3% le diesel. A crescere sono ancora una volta le auto ibride (+90%) e quelle a GPL (+39,2%), con quelle a metano stabili al +1,3%. A livello di segmenti vincono le compatte (+21,6%) e le medie (+17,7%), mentre l'alto di gamma perde il 20,3%. A trainare il mercato nazionale sono soprattutto le aree dell'Italia Nord Occidentale, Nord Orientale e Centrale che insieme superano l'80% dell'immatricolato.


C'è chi fa meglio della media


Andando a vedere i risultati per gruppi e marchi auto troviamo il +15,46% di Gruppo FCA e il +17,48 di Volkswagen Group, percentuali vicine alla media nazionale. Ad andare decisamente oltre con l'incremento delle vendite sono il Gruppo Nissan al +43,87%, Toyota al +29,79, PSA al +25,11% e Renault con un +24,38%. I marchi in gran spolvero sono invece Alfa Romeo (+35,57%), Audi (+37,80%), Renault (+41,54%), Nissan (+48,96%), Suzuki (+34,70%) e Volvo (+35,92%).