Svelati al Tech Fest di Londra anche la Future-Type del 2040 e la nostalgica E-type Zero

Ogni nuovo modello lanciato da Jaguar e Land Rover a partire dal 2020 avrà una versione elettrificata, ovvero con il solo motore elettrico o con quello a scoppio affiancato da un elettromotore. Insomma, entro tre anni tutte le novità firmate dai due marchi britannici saranno proposte anche con motorizzazione elettrica, ibrida o ibrida plug-in. L'annuncio arriva direttamente dal gruppo Jaguar Land Rover durante il primo Tech Fest, evento di tre giorni che si svolge a Londra dall'8 al 10 settembre e che intende "esplorare il ruolo positivo giocato dalla tecnologia nel rimodellare l'industria dell'auto e oltre". La prima di queste novità è la Jaguar I-Pace, SUV sportivo totalmente elettrico in vendita dal 2018.


Jaguar Future-Type, l'auto nel 2040


Oltre alla citata I-Pace, che è ancora allo stadio di prototipo e rappresenta comunque il presente del marchio, Jaguar svela a Londra la Future-Type, concept virtuale e visionaria che con una configurazione interna a 2 posti +1 esplora il futuro dell'auto nel 2040 e oltre. Il principio base è che in un domani non troppo lontano le auto saranno solo condivise e non di proprietà, a guida autonoma e connesse fra loro oltre che con le persone, le case e il resto del mondo. Al centro del progetto Jaguar Future-Type c'è lo speciale volante Sayer che non serve solo a guidare l'auto quando lo si vuole, ma che diventa un oggetto della vita comune di ognuno in grado di registrare preferenze, desideri, impegni e viaggi del proprietario; Sayer, dal nome di Malcolm Sayer che disegnò la mitica E-Type, può essere portato a casa, con sé e ovunque si voglia avere un device mobile multifunzione che può accedere alle news, ma anche gestire la giornata del proprietario.


Jaguar E-type Zero, classica ed elettrica


Dal passato della Casa del Giaguaro arriva invece la Jaguar E-type Zero, versione moderna ed elettrica della famosa coupé nata nel 1961. In questo caso la base di partenza è una E-Type Roadster Serie 1.5 del 1968 e ospita per la prima volta sotto il lungo cofano anteriore un motore elettrico dalla potenza degna di un simile capolavoro: 300 CV. Dove un tempo c'era un poderoso sei cilindri in linea a benzina ora c'è sia il motore elettrico che le batterie agli ioni di litio e il riduttore per trasmettere il moto alle ruote posteriori, con una massa totale inferiore di 46 kg rispetto all'originale e una distribuzione dei pesi invariata fra gli assi. Questa elettrica moderna con abiti storici è in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in appena 5,5 secondi.

Fotogallery: Jaguar e Land Rover, dal 2020 i nuovi modelli saranno elettrificati