Viaggi - La Baviera in A1

Può sembrare strano, ma la parte interessante del viaggio nella verde Baviera a bordo dell'Audi A1 comincia proprio dal “Flughafen München”, l'aeroporto della capitale bavarese che offre agli appassionati di aerei la possibilità di raggiungere l'apposita collina di osservazione circondata da vecchi velivoli ad elica e con una visuale perfetta sullo scalo aereo. Da questo punto panoramico parte in pratica la nostra ultima tappa, un breve tragitto di quasi 70 km alla volta della cittadina di Lanshut, appoggiata sul fiume Isar.


FRA PRATI, FORESTE... E WEINFEST Basta uscire dalle perfette strade che circondano l'aeroporto per trovarsi immersi nella campagna bavarese, fra dolci colline coltivate e fitte foreste incontaminate che si alternano ai piccoli borghi caratteristici. Il primo paese che incontriamo è Erding, famoso per la birra qui prodotta, facile e piacevole da attraversare grazie alla chiara segnaletica, i semafori con il giallo che anticipa anche il verde e una serie di attraversamenti pedonali/ciclabili studiati egregiamente. Da qui il viaggio sulla A1 procede veloce verso Fraunberg, Niederstraubing e Buch am Erlbach in un alternarsi di scorrevoli strade provinciali, fattorie tipiche, mucche al pascolo, "Biergarten", "Bierterasse", e cartelli che annunciano le imminenti "Weinfest", le classiche feste del vino agostane.


STILE AUDI AL 100% La Baby Audi si comporta benissimo, è maneggevole e agile con il suo 1.4 TFSI da 122 CV e il rapido cambio S tronic, tanto che nelle partenze veloci sembra ancora più potente del dato dichiarato. Senza esagerare con il piede destro i consumi restano entro limiti sopportabili, intorno ai 7 l/100 km. Rispetto alla A8 da cui siamo scesi solo poche ore fa sentiamo la mancanza del sistema di climatizzazione dei sedili, mentre il navigatore con sistema MMI e relativa rotella di comando ci è ormai familiare e in pochi secondi impostiamo la nostra destinazione: Landshut, in uno dei tanti ristoranti di cucina italiana della Baviera.


BILANCIO POSITIVO Nella parte finale del percorso, dopo il borgo di Haunwang, decidiamo di svoltare ad ovest per immetterci nell'autostrada A92, quella utilizzata anche da BMW come tratto di prova delle proprie vetture. Senza limiti di velocità e con pochissime auto che viaggiano di gran carriera, la "piccola peste" di Audi arriva senza difficoltà a segnare i 210 km/h di tachimetro, sempre mantenendo un buon comfort di bordo. Ritroviamo poi tutte le A1 dei nostri compagni di avventura nel parcheggio del ristorante-pizzeria, dove vengono diligentemente sistemate in base al colore. I sorrisi dei guidatori sono ora ancora più larghi perché hanno potuto provare su strada quanto promesso loro dalla Casa tedesca e, anche se molti fanno notare il prezzo elevato che può raggiungere una A1 "accessoriata nel modo giusto", si sentono ancora più impazienti di ricevere l'esemplare appena ordinato in concessionaria.