La due giorni si è aperta con i Green Prix 2017, tra i vincitori anche Marco Freschi di PSA Italia

Per due giorni Palermo è stata capitale italiana della mobilità sostenibile grazie alla settima edizione di "No Smog Mobility", l'unica manifestazione del genere nel Mezzogiorno d'Italia. Ideata dai giornalisti Gaspare Borsellino (direttore dell'agenzia di stampa Italpress) e Dario Pennica (direttore di Sicilia Motori), il meeting attrae sempre un numero maggiore di partecipanti per mostrare idee e soluzioni per la mobilità sostenibile perché pubblico e relatori assistono a forum monotematici che consentono di approfondire temi legati al rispetto dell'ambiente e alle esigenze di mobilità individuale e collettiva, pubblica e privata. “Oggi Palermo – ha detto il sindaco Leoluca Orlando intervenendo ai lavori - è una città all’avanguardia grazie al tram, al car e bike sharing e a tutte le zone a traffico limitato. Dieci anni fa tutto ciò sembrava impossibile, ma abbiamo la possibilità di pensare all’ambiente e a tutte quelle proposte che possono rendere più vivibile la nostra città”. In particolare questa serie di incorntri hanno acceso i riflettori sul tema delle emissioni, della guida sicura, delle nuove motorizzazioni ibride ed elettriche con interventi e contributi di professori, ingegneri, giornalisti e soprattutto esperti del settore. Cornice a questa tavola rotonda è stata il Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi dell'Università degli Studi di Palermo.


Un premio a favore della sostenibilità


La due giorni di Palermo si è aperta con la proclamazione dei vincitori dei "Green Prix 2017", i riconoscimenti assegnati ai costruttori di veicoli e componenti che si sono distinti per progetti, iniziative, idee e soluzioni a favore della mobilità sostenibile. Quest'anno la giuria del premio è stata presieduta dal giornalista Italo Cucci, direttore editoriale dell'agenzia di stampa Italpress. Tra i premiati anche Marco Freschi, responsabile coordinamento media e corporate PSA Italia per il progetto AVA "Autonomous Vehicle for All" che riunisce un'ampia gamma di funzioni che porteranno progressivamente a delegare, inizialmente in modo parziale e poi totale, la guida dell'auto su richiesta del conducente. Macchine di un futuro non lontanissimo, con un orizzonte temporale che arriva al 2030, in grado di guidare da sole. Tutto questo per offrire maggiore libertà al conducente garantendo maggiore sicurezza contribuendo alla riduzione dei consumi e soprattutto delle emissioni dei veicoli. Premio in palio 10 alberi da mettere in dimora per infoltire i 60 già piantati lo scorso anno all'interno del bosco No Smog Mobility, polmone verde ricavato alle spalle l'edificio 19 della cittadella universitaria.


La sicurezza alla base della mobilità sostenibile


Non esiste mobilità sostenibile senza sicurezza. E non c'è sicurezza senza pneumatici adeguati. E NO Smog Mobility è diventata occasione per continuare l'opera di sensibilizzazione riguardante scelta e manutenzione dei pneumatici. “Sebbene oggi, grazie alla costante attività divulgativa, sia aumentata la consapevolezza che sono quei pochi centimetri di battistrada a garantire il corretto contatto dell’auto sulla strada – ha affermato Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma - si può e si deve ancora migliorare”. E sulla sicurezza sono anche intervenuti Marco Alù, direttore Pubbliche Relazioni di Ford Italia, e Gabriele Aimone Cat, Media Relation Manager di Bosch Italia, che ha contribuito con importanti innovazioni all'evoluzione dell'auto come per esempio la gestione elettrica del motore, i sistemi di assistenza alla guida e tecnologie per informazione e comunicazione fra veicoli e fra veicoli e infrastrutture. Gli incontri di Palermo si sono conclusi con un aggiornamento sulle opportunità che oggi vengono offerte al mercato per utilizzare carburanti alternativi a benzina e gasolio così da ridurre le emissioni nocive e i costi di trazione anche attraverso motori ibridi ed elettrici al 100%, in particolare dal gruppo FCA Italia, da BMW Group Italia e da Nissan. "Connessi con il futuro" è quindi un promemoria per tutti i partecipanti alla manifestazione e per gli organizzatori che hanno già fissato, per il 10 e l’11 ottobre 2018, l’ottava edizione della rassegna.