A breve saranno una decina le colonnine Enel Fast Recharge Plus a fianco delle pompe di carburante

Non sarebbe bello guidare un'auto elettrica e andare a fare il pieno della batteria nel solito distributore vicino a casa? In Italia inizia a muoversi qualcosa in tal senso, ma in un futuro anche prossimo una simile comodità potrebbe diventare un'abitudine per i nuovi automobilisti a zero emissioni. A dircelo sono i primi e timidi segnali in arrivo dal progetto EVA+, quello coordinato da Enel e co-finanziato dalla Commissione Europea che ha portato all'installazione delle prime 30 colonnine per la ricarica veloce extraurbana, alcune anche in aree di servizio. La prima inaugurazione ha riguardato la postazione di ricarica in corrente continua della stazione di servizio IP di Cormano (MI), in Via L. Cadorna, 40, ma assieme a questa sono attive anche quelle nei distributori IP di Cornegliano Laudense (LO), SP 235 e di Milano, Via La Spezia 31.


Enel fa accordi con API/IP, TotalErg e altri


Proseguendo nella lista di colonnine di ricarica "Fast" che affiancano pompe di benzina e gasolio troviamo altri due esempi frutto di accordi fra Enel, TotalErg, API/IP e alcuni distributori locali, sempre nell'ambito di EVA+. In particolare l'intesa con TotalErg e Anas che ha permesso l'installazione della prima postazione di ricarica veloce in autostrada, per la precisione sul Grande Raccordo Anulare di Roma nell'area di servizio Selva Candida esterna. Da segnalare c'è anche il nuovo punto di ricarica Enel Fast Recharge Plus a Frosinone, a margine dell'area di servizio di Via A. Vona, 28. La stessa Enel fa sapere che a breve saranno una decina le colonnine all'interno dei tradizionali distributori (compresa un'altra sul GRA) e che il loro numero andrà a crescere con il completamento di tutte le 180 colonnine previste dal progetto EVA+. Per il momento risulta invece in manutenzione la prima e storica colonnina di ricarica veloce Enel nell'area di servizio Eni di Pomezia (RM), in Via Pontina Vecchia, 20.


Poche colonnine in autostrada


Insomma, nel giro di pochi anni la sosta di un paio di minuti al distributore per fare il pieno al serbatoio potrebbe trasformarsi in una pausa di 20-30 minuti utile per ridare una buona carica alla batteria dell'auto elettrica ed è anche per questo che molte delle nuove colonnine saranno vicine a centri commerciali, outlet e grandi negozi. A titolo di cronaca ricordiamo che oltre a Enel che installa le colonnine nelle vicinanze dei caselli autostradali, ma non in autostrada, esistono in Italia alcune altre postazioni di ricarica veloce lungo la rete autostradale: fra queste si segnalano quelle nell'area di servizio Villoresi Est sulla A8 dei Laghi, di Dorno Est e Ovest sulla A7 dei Giovi (entrambe realizzate da eV-Now, Autogrill, Loginet e Nissan) e la Green Station sperimentale di Autostrade per l'Italia nelle aree di servizio Frascati Est e Ovest sulla A1 nel tratto Roma Sud-San Cesareo. A queste si aggiungono alcune postazioni Supercharger Tesla autostradali, utilizzabili solo dalle auto californiane, sempre a Dorno, ma anche all'Autoporto di Aosta e al Brennero.

Fotogallery: EVA+, la ricarica veloce per auto elettriche arriva in Italia