Presentato a Tokyo, in circa 4,5 metri offre quattro posti “a diamante” e spazio per due moto

Le moto le producono già: stradali, da offroad e pure d’acqua. Tra le altre cose fanno anche quad e strumenti musicali. Quello che mancava, in Yamaha, era un mezzo per trasportare tutto ciò. A essere precisi manca ancora, tecnicamente, perché il pick-up compatto Cross Hub presentato al Salone di Tokyo è solo un concept, per ora. E come ogni prototipo che si rispetti offre non pochi spunti interessanti, a partire da uno dei punti di forza dei giapponesi: lo sfruttamento dello spazio. Sì perché in circa 4,5 metri di lunghezza (il dato preciso non si conosce), c’è posto per quattro sedili: il guidatore sta in mezzo, avanzato; leggermente arretrati, ai suoi lati, due passeggeri, più un quarto dietro di lui.


Una disposizione che permette di ridurre l’ingombro longitudinale dell’abitacolo, lasciando più spazio per il piano di carico, capace infatti di trasportare, se necessario, due moto, oppure un quad. Il destino del Cross Hub Concept non è ancora stato deciso: a Iwata valuteranno l’accoglienza del pubblico, prima di metterlo in produzione. Una cosa è certa però: il suo design, per nulla banale, o si ama o si odia, ma  considerando il pubblico dinamico a cui si rivolge dovrebbero essere di più i favorevoli dei contrari.


 

Yamaha Cross Hub Concept, il pick-up per chi fa sport