Un titolo epico e maestoso epico che si piazza senza riserve sul podio dei giochi migliori dell'anno

Praticamente tutti i titoli che abbiamo provato ultimamente ci hanno lasciato piacevolmente colpiti per grafica, per cura estetica, per i dettagli. Ma se ce n'è uno però che va addirittura oltre, imponendosi come uno dei giochi visivamente più belli che si siano mai visti su console, questo è il nuovo Assassin's Creed: Origins. Attenzione, però, perché l'ultima fatica di Ubisoft non è solo apparenza e di sostanza ce n'è davvero tanta. Ma andiamo per ordine.


La trama


Egitto, qualche decina d'anni prima della nascita di Cristo. Sul trono c'è Cleopatra, il regno è quello dei Tolomei. E già qui c'è una grossa novità: se Gesù non è nato, non ci possono essere i Templari, perlomeno non come li conosciamo o li abbiamo sempre conosciuti tramite la saga di Assassin's Creed. Ecco che si spiega il titolo "Origins", perché questo capitolo è incentrato proprio sulla nascita della Confraternita degli Assassini e di una setta, l'Ordine degli Antichi, che poi si evolverà proprio nell'Ordine dei Cavalieri Templari. Noi impersoneremo Bayek, una sorta di guardiano esploratore del deserto, che a causa di un torto subìto deciderà di farsi vendetta insieme alla moglie. Non sveleremo altro della trama perché sarebbe un vero torto nei confronti di chi legge. Gli sceneggiatori di Origins hanno costruito un racconto solido e sorprendente, da far invidia a tanti blockbuster che si trovano oggi nelle sale. Con un finale che si rivela a dir poco sorprendente.


Un gameplay rivisto... in meglio


Ambientazione completamente inedita, nuovo personaggio, nuovi nemici. Le premesse ci sono tutte per portare una ventata di freschezza in una saga che ora è arrivata al suo decimo capitolo. E infatti così è, perché Origins riscrive la formula degli AC che conosciamo senza snaturarla. Per esempio, c'è una buona componente da GDR, con un sistema di progressione ben calibrato e mai noioso, e un nuovo combat system che finalmente rende gli scontri più verosimili e impegnativi, con i nemici che non aspetteranno più il loro turno per attaccarci ma lo faranno in contemporanea. Per riuscire a cavarcela nelle situazioni più complesse, allora, sarà fondamentale adottare un approccio tattico che potremo pianificare a priori tramite l'uso della nostra aquila. Impersonandola, potremo sorvolare la zona e identificare i nemici. La mappa di Assassin's Creed: Origins, poi, è enorme e ricca di tanti scenari differenti che offrono massima libertà di azione. Ad esempio, si potrà esplorare nuove zone a cavallo o in barca, fare corse con le bighe, esplorare vecchie tombe, andare a caccia per raccogliere pelli o materiali utili al crafting, necessario a sua volta per superare determinate missioni. Gli equipaggiamenti sono davvero tanti, così come le armi, e in base a quelli scelti lo stile di combattimento cambia.


Il verdetto 


Di grafica e art design vi abbiamo già detto, ma vale la pena tornarci sopra. Raramente abbiamo visto un titolo così maestoso e monumentale. Sì, le modellazioni non sono sempre perfette e ogni tanto qualche animazione è un po' legnosa, ma questo non intacca minimamente l'eccezionale lavoro fatto da Ubisoft. Se poi si aggiunge la grandissima libertà che Assassin's Creed Origins offre a chi lo gioca, ecco che un'ambientazione così ricca e ben curata viene davvero sfruttata al massimo. Il tutto, con un tempo di gioco che supera addirittura le 30 ore. Il reparto audio è ai livelli delle migliori produzioni della serie, con un'ottima colonna sonora e il doppiaggio integrale in italiano. Insomma, un titolo che non può assolutamente mancare nella vostra collezione, sia che abbiate da sempre amato la saga di Assassin's Creed sia che non abbiate mai vestito prima i panni di un Assassino.


Assassin's Creed: Origins


Genere: Avventura, Stealth
Piattaforme: PlayStation 4, Xbox One, PC
Modalità di gioco: Giocatore singolo
Data di uscita: 27 ottobre 2017
Sviluppatore: Ubisoft Montreal
Editore: Ubisoft
Maggiori info: https://assassinscreed.ubisoft.com/game/it-it/home/