Più dedicata alla famiglia, ha un telaio tutto nuovo che non disdegnerebbe potenze ben più alte

Un tempo si lanciava a capicollo sui percorsi del WRC lasciandosi dietro gli avversari e facendo esaltare tutti gli appassionati. Ha fatto nascere discussioni nei bar di tutto il globo, con chi sosteneva che fosse una delle auto più divertenti del mondo. Poi nel corso degli anni la Subaru Impreza si è tranquillizzata, ha messo su famiglia e ora, con la quinta generazione, smette i panni della giovane scavezzacollo diventando un’auto ben più tranquilla, dedicata a padri di famiglia.


Com’è


Arriva da anni di assenza sul nostro mercato (la quarta generazione non è arrivata in Italia) e la nuova Impreza si presenta in versione 2 volumi e 4,46 metri di lunghezza. Una tipologia di carrozzeria che piace maggiormente agli italiani e più pratica nella vita di tutti i giorni. Il design è classico e non lascia spazio a linee troppo fantasiose o stile particolarmente azzardato. Un design semplice che non rinuncia a un tocco di muscoli, a memoria dei bei tempi che furono, ma nulla che lasci intendere che sotto il cofano ci sia una cavalleria imbizzarrita. Semplicità sembra essere stata la parola d’ordine di chi ha disegnato sia l’esterno sia l’abitacolo, dove si ritrova la classica impostazione Subaru, unita a una qualità che non fa storcere il naso. Ci sono plastiche dure e morbide, accoppiate in maniera pressoché impeccabile. Il design non sarà di quelli futuristici, ma (a parte alcune soluzioni che non mi hanno convinto in pieno) molto funzionale. Mi spiego subito: i due monitor (da 8” e 6,3”) al centro sono comodi e forniscono davvero molte informazioni, ma ogni tanto bisogna districarsi nella selva di pulsanti che affollano il volante e si trovano anche sul cielo della vettura. Un po’ confusionaria come soluzione. Dentro si sta comodi e chi siede dietro gode di davvero tanto spazio per gambe e testa, mentre i bagagli devono accontentarsi di 380 litri, un po’ pochini per un’auto lunga più di 4,4 metri.


Come va


SGP: Subaru Global Platform. È questo il nome della nuova piattaforma che fa da base alla nuova Subaru Impreza e in futuro servirà l’intera gamma. Un pianale bello, fatto bene, con il giusto assetto e che praticamente nulla concede al rollio. C’è poi uno sterzo particolarmente diretto e comunicativo. Se solo tutto questo fosse abbinato a un motore con un po’ di cavalli in più rispetto al 1.6 benzina aspirato da 114 CV e 150 Nm di coppia. Pochi per divertirsi, ma sufficienti a portare a spasso la famiglia. C’è da chiedersi come mai sotto il cofano non ci sia il 1.6 turbo benzina da 170 CV della Levorg, di certo non un mostro di potenza ma sicuramente capace di dare maggior brio alla Impreza. C’è poi il cambio Lineartronic, l’ideale per chi viaggia col piede di velluto e che mostra tutti i suoi limiti quando si vuole fare più sul serio. In quel caso il motore gira in alto ed entra un po’ troppo in abitacolo, senza avere in cambio prestazioni chissà quanto esaltanti. Ma, come detto prima, l’obiettivo della quinta generazione della Subaru Impreza è diverso da quello cui ci aveva abituati. Va bene anche così, perché di contro si ha un alto livello di sicurezza grazie al’EyeSight di serie. Cruise control adattivo, Departure Warning, Lane keep assist e Pre collision sono solo alcuni dei sistemi di assistenza alla guida offerti di serie e funzionanti grazie alla doppia telecamera frontale, sistemata dietro il parabrezza.


Curiosità


La Subaru Impreza arriva in Italia unicamente col 1.6 benzina, niente diesel quindi. La filiale italiana della Casa delle Pleiadi però ha già mandato in BRC alcune unità per effettuare i primi test sull’alimentazione a GPL e se tutto andrà come previsto, nel corso del 2018 nel listino della nuova Impreza arriverà la versione a a doppia alimentazione.


Quanto costa


Meno di 20.000 euro per la versione base Pure, per la precisione 19.900. Non male per un’auto che di serie offre i numerosi sistemi di assistenza alla guida dell’EyeSight e sistema di infotainment (con monitor da 6,5”) compatibile con Android Auto ed Apple CarPlay. Al top c’è la Style Navi che, per 26.490 euro, offre monitor da 8”, navigatore, luci full led e sistema di apertura e avviamento senza chiavi.


La scheda


Motore: 1.600 cc
Potenza: 114 CV
Consumo medio: (Ciclo NEDC): 6,2 l/100 km
Emissioni: 140 /kmv

Nuova Subaru Impreza, cambio di DNA

Foto di: Massimo Grassi