Da 5.000 a 42 milioni di euro, dalle citycar alle supercar, in Fiera Milano c'era di tutto

Quando nasce Milano AutoClassica, l’economia italiana è in uno dei momenti peggiori degli ultimi 50 anni e le vendite di automobili sono in crollo verticale. Non solo: nel 2011 inizia il Governo di Mario Monti e, con esso, un periodo in cui chiunque abbia un’auto di alto valore si sente improvvisamente messo sotto “accusa” in quanto sospettato di elusione e/o evasione fiscale. In un contesto così, per di più all’inizio di un percorso, il fatto che Milano Auto Classica non solo abbia resistito ma continui a crescere è un segnale oggettivo della bravura degli organizzatori. Non solo nel creare un evento che piace, ma nell’aver intercettato una passione, quella per le auto più o meno datate, che sta aumentando sempre di più. E in cui qualcuno realizza anche del business, al punto che sempre più Case, ormai, partecipano ufficialmente, anche con modelli nuovi (McLaren e Lamborghini, per esempio). Come l’anno scorso, anche per il 2017 abbiamo deciso di essere media partner dell’evento e il nostro “uomo sul campo” non poteva essere che lui, il nostro Andrea Farina, vero esperto ma prima di tutto impallinato di classiche.

 

Andrea non “solo” si è fatto il giro di tutta la fiera raccontandoci le meraviglie, anche quelle nascoste, ma ha anche realizzato un perché comprarla… Classic LIVE, insieme ad alcuni visitatori. Ma torniamo alle perle che si sono fatte vedere a Milano, perché c’era veramente di tutto. C’era lo sfizio per i super-ricchi, anzi per gli sceicchi, la Ferrari 250 GTO, ovvero l’auto più costosa della storia: la stima attuale è intorno ai 42 milioni di euro. Sempre in casa Ferrari c’erano anche Dino 246 Tasmania 512 M. Per rimanere nell’ordine delle svariate centinaia di migliaia di euro, ecco Lancia Stratos (oltre 500.000 euro), Alfa Romeo 1.750 compressore Castagna (tra 1,3 e 2 milioni d euro), Porsche 911 RS 2.7 (tra i 600.000 e il milione di euro), Ferrari F40 verde Abetone, ecc.. Ma non pensate che Milano AutoClassica fosse una cosa per pochi: c’erano (e ci saranno anche nei prossimi anni) proposte inferiori persino ai 10.000 euro: Fiat 124 berlina 1.4 Special Team (8.700 euro), Autobianchi A112 (5.600 euro), Alfa Romeo Alfetta 2.0 carburatori (10.000 euro), Innocenti Mini 1000 (9.000 euro), Peugeot 205 Rallye e tante altre.



Ferrari 250 GTO, l'auto più costosa della storia | Milano AutoClassica 2017



C'è poco da fare, la regina di questa settima edizione di Milano AutoClassica è lei, la Ferrari 250 GTO appartenente ad una collezione privata. Il valore? Vicino ai 40 milioni di euro!

Miura e LM002, le due anime di Lamborghini | Milano AutoClassica 2017



Pensi ad un'auto d'epoca italiana ed è difficile che non venga in mente lei, la Lamborghini Miura. Non poteva quindi mancare a Milano AutoClassica e con lei la LM002, la prima fuoristrada del Toro, ma anche la Huracan Super Trofeo da competizione e la Perfomante.

Cosa comprare con 10 mila euro (o anche meno) | Milano AutoClassica 2017



Milano AutoClassica 2017 si conferma un'occasione per chi vuole fare un affare e mettersi in garage una classica. Andrea si è dato il tetto di 10 mila euro ed ecco cosa ha trovato.

Le auto più costose ed esclusive | Milano AutoClassica 2017



Sogni per pochi, in alcuni casi per pochissimi: stiamo parlando delle auto più care che si trovano a Milano AutoClassica e alle quali Andrea ha voluto dedicare un video speciale!

Fotogallery: Milano AutoClassica 2017, edizione da record