Tanti automobilisti distratti dal gioco sullo smartphone nei primi 5 mesi dell'App

"Morte dovuta a Pokémon Go": così si intitola la recente ricerca della Purdue University, nell'Indiana (Stati Uniti). Il riferimento è agli incidenti mortali dovuti alla distrazione: gli automobilisti guidano con lo smartphone in mano, giocano al Pokémon Go, distolgono l'attenzione dalla strada e dai veicoli e causano sinistri gravissimi. Il videogame per cellulare, stimano due professori universitari, potrebbe aver causato quasi 150.000 incidenti stradali negli Stati Uniti da luglio 2016 a novembre 2016: in media, 30.000 sinistri al mese, molti dei quali con feriti pesanti e con esiti fatali. Il gioco di realtà aumentata avrebbe generato fra 2 e 7,3 miliardi di dollari di danni. Infatti, i giocatori devono catturare i Pokémon esplorando il mondo reale e interagendo allo stesso tempo con il proprio telefono, visualizzando così gli animaletti su strade pubbliche, parchi e altrove: giocare a Pokémon Go richiede un certo impegno fisico e a livello di concentrazione.


Informazioni proiettate su scala nazionale


La coppia di ricercatori ha preso in esame solo i dati di una contea dell'Indiana (Tippecanoe), proiettandoli a livello nazionale: hanno incrociando le informazioni sui sinistri con la posizione dei PokeStop, cioè i luoghi di interesse delle città dove è possibile raccogliere ricompense del gioco. Risultato: la probabilità che un incidente accadesse nel raggio di 100 km da un PokeStop era del 26,5% più alta rispetto a un luogo privo di PokeStop. Ovviamente, in sé, Pokémon Go non c'entra niente, non è da demonizzare. I colpevoli sono solo gli automobilisti che si distraggono a giocare anziché pensare alla strada: fenomeno che riguarda tutto il mondo e che nei primi mesi di vita dell'App destò molta preoccupazione per l'incremento degli incidenti, anche gravi.


E ora, qual è la situazione?


I due professori hanno esaminato i primi 5 mesi dell'App, quando fu boom per il videogame: occorre poi vedere se sia calata la passione per questo gioco fra i giovani al volante, e se i primi incidenti mortali abbiano suggerito maggiore cautela da chi rischiava grosso distraendosi con lo smartphone. Inoltre, secondo uno studio dell'Universitat Jaume I, di Castellón (Spagna), la "mancanza di interattività" ha provocato un crollo di interesse dei giovani verso questo videogame. All'inizio, c'è stata la "rivoluzione": un "nuovo modo in cui ci rapportiamo tecnologicamente con le città, con le meccaniche del gioco, creando forti comunità". Dopodiché, sarebbe iniziato il declino.


Quali multe


Ricordiamo comunque le regole del Codice della strada, che sono molto semplici: per chi guida con smartphone in mano, c'è una multa di 161 euro, più il taglio di 5 punti-patente; e sospensione della patente da uno a 3 mesi alla seconda infrazione nel biennio (recidiva). Nel caso, con lo smartphone in mano, il guidatore provochi lesioni fisiche con oltre 40 giorni di prognosi (cosa non difficile se il ferito è un soggetto particolarmente debole), scatta la sospensione immediata della patente per 5 anni da parte del Prefetto. In attesa del processo. Quindi, quella sospensione può tradursi in revoca per 5 anni. Lo stabilisce il reato di omicidio e lesioni stradali.

Fotogallery: Pokémon Go in auto, 150.000 incidenti negli USA