Il problema è che nessun modello rispetta i limiti di costo stabiliti dal governo tedesco

In Germania chi voglia comprare un'auto elettrica è premiato con un incentivo, a patto che non si tratti di una Tesla. I modelli della Casa californiana, infatti, non rientrano nella lista delle vetture che hanno diritto agli incentivi a causa del loro prezzo troppo alto. La BAFA, ovvero l'agenzia tedesca per il controllo dell'economia e degli export, ha stabilito che non esiste una Model S che costi meno di 60.000 euro ovvero il tetto massimo per avere diritto all'aiuto da parte delle casse pubbliche. Tuttavia Tesla aveva allestito per il mercato tedesco una versione base senza il “pacchetto comfort” che abbassava il prezzo a poco meno di 60.000 euro, lasciando intatto il diritto all'incentivo. Tuttavia, pare che alcuni dealer non informassero i potenziali clienti dell'esistenza di questa versione.


Tesla ha annunciato di avere avviato una indagine e che se necessario verranno presi i giusti provvedimenti, per fornire informazioni di vendita precise e accurate. Il programma è stato lanciato circa un anno fa con un fondo globale di circa 1 miliardo di euro che è parzialmente finanziato dalle stesse Case automobilistiche tedesche. Case che attualmente non hanno a listino modelli elettrici premium e che avrebbero visto i loro sforzi economici finire nelle casse della Tesla. Il limite di prezzo era nato sostanzialmente per questo, mentre il valore dell'incentivo è di 4.000 euro nel caso dell'acquisto di una elettrica pura e di 3.000 per chi compra una ibrida plug-in. La situazione, in ogni caso, è fluida e potrebbe cambiare nel prossimo futuro.

Tesla, come va l’ultima versione dell'Autopilot [VIDEO]