La coupé sportiva 2 posti sarà il modello di punta del Biscione, avrà più cavalli ed handling migliorato

È stata l’auto che, nel 2013, ha segnato il tanto atteso ritorno alla trazione posteriore. Dopo di lei sono arrivati modelli come Giulia e Stelvio, rivolti a un pubblico decisamente più numeroso, ma l’Alfa Romeo 4C rimane una piccola/grande pietra miliare del Biscione. Un modello leggermente rivisto nello scorso gennaio, senza particolari novità tecniche, destinato presto a tornare alla ribalta grazie a un ben più corposo restyling previsto per il 2018. A dirlo è stato, ai colleghi di Autocar, il responsabile del reparto tecnico Alfa Romeo e Maserati, Roberto Fedeli.


“Stiamo tornando in Formula 1 e abbiamo bisogno che la 4C sia la nostra auto vetrina” ha dichiarato Fedeli, sbottonandosi leggermente per quanto riguarda le specifiche tecniche della prossima generazione. Naturalmente non ci sarà spazio per il V6 di 2,9 litri da 510 CV di Giulia e Stelvio Quadrifoglio: dietro gli schienali ci sarà ancora il solito 1.750 turbo con potenza portata a quota 300 CV, 60 in più rispetto alla generazione attuale. Rimarrà naturalmente la trazione posteriore, unita al cambio automatico 6 rapporti, unica scelta possibile. Niente manuale, scelta sempre più rara per gli acquirenti di questo tipo di auto e optional non disponibile per nessun modello ad alte prestazioni (presente e futuro) firmato Alfa Romeo e Maserati. Cambierà invece il comportamento su strada, l'Alfa Romeo 4C restyling avrà handling migliorato e novità per quanto riguarda sterzo e assetto. Il peso rimarrà particolarmente ridotto, merito del telaio in fibra di carbonio e all’assenza di normali sistemi, come il servosterzo. Nessuna notizia riguardante il suo debutto, ma sembra probabile che la si potrà vedere già al Salone di Ginevra 2018.

Alfa Romeo 4C è la prima Alfa a tornare negli USA

Foto di: Eleonora Lilli