Ispirata alla S90, avrà uno stile accattivante e dettagli che esprimono solidità. Le fiancate saranno più verticali

I mobili dell’Ikea ed i vecchi telefonini della Nokia ci hanno trasmesso un certo cliché sugli svedesi, che infatti consideriamo pragmatici, rigorosi e con pochi grilli per la testa. Lo stereotipo è valido anche nel mondo delle auto, dove la Volvo segue da anni una strategia che bada al sodo: prima mette in vendita i modelli più gettonati e redditizi, poi quelli a lei “cari” o meno in voga fra gli automobilisti. La dimostrazione sono le vetture della linea 90: nel 2014 è arrivata la XC90, due anni prima della berlina S90 e della famigliare V90. La XC90 aveva maggiori possibilità di “sfondare” in tutto il mondo (vista la popolarità dei SUV) e quindi è stata preferita a due modelli storici per la casa svedese, da sempre molto legata alle quattro porte e alle famigliari. Lo stesso si ripeterà con la berlina S60, che riprenderà la base costruttiva, i motori ed i cambi dalla XC60.

La differenza sarà nei dettagli (e nelle dimensioni)

La Volvo S60 dovrebbe arrivare nel 2018 e avrà uno stile in linea con le ultime proposte della casa di Goteberg, che anticipiamo in questa ricostruzione grafica esclusiva, basata sulle immagini scattate agli esemplari di prova e alle (poche) anticipazioni emerse. Sulla berlina troveremo quindi il tratto luminoso ad Y nelle luci anteriori, particolari della carrozzeria che esprimono grande solidità (a partire dalle massicce fiancate) e una coda molto raccolta, che farà apparire l’auto più giovanile e dinamica rispetto a quella odierna. Gli stilisti della casa svedese lavoreranno nello specifico per differenziare la S60 dalla più lunga e costosa S90, sulla falsariga di quanto avvenuto fra le XC90 e XC60, che appare più snella e visivamente “leggera” complici anche le dimensioni inferiori: la S60 dovrebbe misurare in lunghezza circa 4,70 metri, contro i 4,96 della S90.

Fra i punti di forza ci sarà il motore ibrido

A livello tecnico è sicuro che la terza generazione della Volvo S60 adotterà la meccanica di base SPA, la stessa della XC60, che prevede il motore anteriore trasversale e la trazione anteriore o integrale. Queste caratteristiche sono meno sofisticate rispetto alle Alfa Romeo Giulia, BMW Serie 3 e Mercedes Classe C, che della S60 sono le principali concorrenti, anche se la berlina svedese potrà offrire in cambio un potente motore ibrido con batterie ricaricabili e sistemi di assistenza alla guida fra i più efficaci oggi disponibili: la Volvo punta molto su questo frangente e potrebbe lanciare nuovi aggiornamenti della sua tecnologia proprio sulla S60. A disposizione ci saranno però anche motori benzina e diesel con quattro cilindri. Dalla berlina sarà ricavata la famigliare V60, già sorpresa nel corso dei test su strada e attesa quindi il prossimo anno (o al più tardi nel 2019).

Nuova Volvo S60, linee da "grande" per la berlina media