Il crossover avrà una presenza su strada più marcata e un abitacolo con lo schermo in alto, simile alle Peugeot

Le immagini di anticipazione (i cosiddetti teaser) raramente fanno intuire più di qualche dettaglio sul nuovo modello in arrivo. Ciò vale anche per la nuova Acura RDX, il crossover medio che il marchio di lusso della Honda mostrerà nelle vesti di prototipo al Salone di Detroit 2018, in calendario dal 13 al 28 gennaio. Dall’unica immagine pubblicata si intuisce vagamente la sagoma della fiancata, dove sono presenti un motivo ad effetto cromato nella parte superiore dei vetri laterali e una linea della fiancata che sale verso il portellone. In questo caso però la Acura ha fatto un’eccezione e anticipato dettagli molto “succosi” dell’auto, che sarà fra le vetture più importanti lanciate dal costruttore negli ultimi anni.


La terza generazione della RDX sarà la prima Acura disegnata e sviluppata interamente negli Stati Uniti, a differenza di quelle precedenti che risentivano di una certa influenza proveniente dal Giappone. Gli stilisti hanno tratto ispirazione dalla proposta di stile Precision Concept, secondo quanto anticipato dal costruttore, che ha voluto migliorare la presenza su strada dell’auto: la nuova RDX sarà più bassa, larga e slanciata di quella oggi in vendita, una vettura dallo stile piuttosto blando che non viene certo scelta da chi vuole apparire. La RDX avrà dettagli marcati sulla carrozzeria e un nuovo interno, simile a quello visto su alcune Peugeot, grazie allo schermo del sistema multimediale in alto sulla plancia e non al suo centro. Il crossover dovrebbe mantenere una lunghezza intorno ai 4,70 metri.

Acura RDX, la terza generazione promette grandi novità