La Charlotte Roadster questa volta non è da sola: con lei un nuovo prototipo elettrico e marciante

Dopo lo spettacolare volo sulla Tofana dello scorso anno, Frangivento torna anche quest’anno sulle Dolomiti. Dal 27 dicembre al 6 gennaio, la Charlotte Roadster di Giorgio Pirolo e Paolo Mancini, presentata a Montecarlo e esposta al pubblico al Salone di Parco Valentino 2017, salirà sugli impianti del Monte Cristallo a Cortina d’Ampezzo a 2200 metri d’altezza per farsi ammirare. E non sarà sola, perché insieme alla supercar elettrica, famosa per l’acquario “incastonato” tra i due sedili, ci sarà un nuovo prototipo di auto marciante, anche questa totalmente elettrica.


Una scelta, quelle delle Dolomiti, che ha alla base una motivazione ingegneristica molto importante, perché “la maestosa vetta del Cristallo è una perfetta galleria del vento naturale per raccogliere informazioni molti importanti per lo sviluppo aerodinamico del progetto”, hanno spiegato Pirolo e Mancini. “I dati registrati lo scorso anno sulla Tofana sono stati essenziali. Grazie ai nostri ingegneri sono stati tradotti in modifiche estetiche sulla forma stessa della vettura”. E poi c’è anche l’aspetto simbolico, quello di portare la Frangivento sulle cime inviolate a testimonianza dell’impegno dell’azienda per il rispetto dell’ambiente. Una missione che ha guidato anche lo sviluppo del nuovo prototipo, quello di un’auto compatta che girerà per le Dolomiti ancora camuffato per le fasi di collaudo e della quale ancora non si sa nulla, se non che sarà ad emissioni zero.

Frangivento, "l'auto con l'acquario" in mostra sulle Dolomiti