Sono 191.000 le auto della Losanga vendute in Italia, che diventa così il terzo mercato dopo Francia e Germania

Fare bene in un mercato che cresce non sarà una notizia, ma registrare il record di vendite è sicuramente un fatto degno di nota. Si, per Renault il 2017 è stato un anno ricco di soddisfazioni, con circa 191.000 immatricolazioni in Italia, cifra record che rende il Bel Paese il terzo mercato al mondo per la Losanga dopo Francia e Germania. Il dato più interessante è su “come” Renault ha ottenuto questo risultato: con una massiccia offensiva di prodotti e modelli capaci di tenere botta al tempo che passa e a concorrenti ben più giovani.


Di tutto di più


Grand Scenic, Zoe Z.E. 40, Twingo GT, Clio GPL, Megane Grand Coupé, Captur restyling, Zoe van, nuova Koleos, Kangoo ZE, Alaskan e Trafic Spaceclass, ai quali vanno aggiunte le varie serie speciali. Ecco cosa ha significato il 2017 per Renault: il lancio di numerosi modelli nei segmenti più disparati, da quello delle piccole ai van per trasporto persone, passando per elettriche, pickup e (naturalmente) SUV. Gamma rinnovata dove però la parte del leone viene fatta dalla Clio, ormai prossima alla pensione ma comunque capace di conquistare il cuore di più di 52.000 automobilisti, addirittura meglio rispetto alla nuova Citroen C3 (circa 48.000 unità vendute). Un numero che la rende l’auto straniera più venduta in Italia. Ad aiutare la causa ci ha pensato anche la Renault Captur con più di 29.000 unità. Giusto per sottolineare la sempre crescente importanza dei crossover/SUV nei listini di mezzo mondo.


La parte di Dacia


Giusto per rimanere in tema crossover/SUV e all’interno del Gruppo Renault, non si può non citare la Dacia Duster, tra i modelli più venduti del proprio segmento nel corso del 2017. Tutto questo con la nuova versione alle porte, pronta a sbarcare nelle concessionarie proprio in questi giorni. Ma la sete di auto ad assetto rialzato e low cost non conosce sosta. Così come non si fermano le vendite della Sandero che, a un anno dal lancio del restyling, è la Dacia più venduta in Italia. Sia per lei sia per la Duster gioca un ruolo importante l’alimentazione GPL: in mancanza di ibrido le motorizzazioni bifuel sono capaci di offrire il giusot risparmio.


Non è tutto oro


Se da una parte ci sono modelli capaci di far segnare numeri da record, dall’altra ci sono scommesse che non decollano. Come ad esempio l’elettrico: 5.100 vetture vendute a partire dal 2012. Numeri irrisori per un mercato, quello italiano, ancora quasi del tutto impreparato per l’elettrificazione. L’altra nota dolente ha le forme della Renault Twingo che, nonostante sia nona come numeri di vendita nel proprio segmento, non vede decollare le vendite.


L’anno che verrà


Ripetersi non è mai facile e la filiale italiana di Renault lo sa bene, ma spera naturalmente che le novità in arrivo nel 2018 riescano a fare da volano alle vendite. In programma ci sono una versione speciale della Scenic, la nuova Megane RS ed RS Trophy, la Clio Duel Collection, il Master ZE elettrico con autonomia da 200 km e versioni business per differenti modelli. Per Dacia, come detto, il 2018 sarà l’anno dell’arrivo del restyling della Duster, accompagnato da una Sandero in serie limitata. Infine ci sarà spazio anche per il “pepe”: la nuova Alpine A110, la piccola coupé sportiva da 252 CV.

Renault, mai così bene in Italia

Foto di: Massimo Grassi