Al CES 2018 il Gruppo parla di 5G LTE, sistema di navigazione avanzata e guida autonoma, ma attenzione alla sicurezza informatica

Bluetooth e Wi-Fi fanno ormai parte dell'infotainment delle nostre auto e il 4G LTE sta lentamente arrivando. Ma già si guarda oltre, ad una connettività ultrarapida ed efficiente regolata dagli ultimi processori lanciati sul mercato. In occasione del Consumer Electronic Show di Las Vegas è stato ufficializzato l'accordo tra il gruppo Jaguar Land Rover e la multinazionale dei semiconduttori Qualcomm; prevede l'equipaggiamento, gradualmente su tutti i modelli, di processori Snapdragon 820 Automotive Platform in grado di integrare tutti i sistemi della vettura, dall'infotainment ai cluster digitali - in poche parole, una rete di elementi digitali connessi -, con la guida autonoma. Un accordo che segue quello NVIDIA-Volkswagen, con il colosso dell'AI che già da mesi è al lavoro nello sviluppare i nuovi sistemi di guida autonoma che Volvo monterà sulle proprie vetture.


Ambiente connesso


Lo Snapdragon 820 Automotive Platform fornirà ai passeggeri dell'auto una connettività 3.0; le vetture equipaggiate saranno in grado di analizzare l'ambiente circostante e di agire di conseguenza grazie all'intregrazione con il Sistema Satellitare Globale di Navigazione (GNSS), tutto in ottica della sempre più vicina guida autonoma. La sicurezza deve avanzare di pari passo con il processo tecnologico, considerando che è già in fase di studio la ancora più veloce connettività 5G, per rendere l'auto ancora più smart. Jaguar Land Rover aspira ad un ambiente connesso in cui, anche i passeggeri posteriori, possano interagire con le funzionalità della vettura tramite applicazioni e touch screen ad alta definizione con funzione di continuità su più display. Si hanno poche informazioni a riguardo, ma Qualcomm sta studiando un supporto per il pilota a reti neurali attraverso il quale la vettura sarà in grado di analizzare i pericoli esterni ed agire di consegueza, con maggiore efficacia - e con un'analisi più approfondita del pericolo - rispetto agli attuali sistemi ADAS di aiuti alla guida.


Garantire la sicurezza informatica


Qualcomm collabora da anni con i principali costruttori su connettività, infotainment, navigazione e tecnologie di sicurezza, con un'attenzione particolare ai nuovi sistemi di ricarica wireless delle auto elettriche. Non può non essere positiva la corsa alla tecnologia, ma bisogna fare attenzione al problema che di conseguenza nasce in un mondo perennemente connesso e con poca differenziazione del prodotto: la sicurezza informatica e i bug dei processori, soprattutto in ottica di guida autonoma. Intel insegna.