Controlli vocali avanzati ed esperienze di acquisto "premium". La corsa alla guida autonoma passa anche da qui

Tutti i principali gruppi stanno lavorando all'auto che si guida da sola. Si procede a grandi passi e i costruttori di tutto il mondo mirano ad accordi con le grandi multinazionali nel campo dell'elettronica. Nuance, Cisco e Harman, leader mondiali nel campo dell'automazione e della rete, hanno dato il via libera allo sviluppo di sistemi di aiuto alla guida in collaborazione con, rispettivamente, Toyota, Hyundai e BMW. Un argomento che ha influenzato l'edizione del Consumer Electronic Show di quest'anno, nonostante sia un evento incentrato sull'elettronica di consumo in generale. L'attenzione è rivolta anche ai concessionari, con Harman che, nel momento pre-acquisto, coinvolge il cliente in un'esperienza 3D nella scelta degli optional.


Intelligenza Artificiale conversazionale


E' chiaro che ormai siamo in piena "corsa alla guida autonoma", con tutti i gruppi che cercano di portare alla luce qualsiasi cosa che possa differenziarli dagli altri. Si va dall'avanzato sistema a reti neurali di Jaguar Land Rover-Qualcomm al più "semplice" controllo vocale del Kia UVO Agent ed è proprio quest'ultimo un tema che può trovare ancora più applicazioni. Il Dragon Drive di Nuance, per esempio, coniuga l'intelligenza artificiale "conversazionale" con il rilevamento visivo; si potrà interagire con elementi al di fuori della vettura semplicemente volgendo lo sguardo o utilizzando parole specifiche di attivazione.


Acquisto a 360 gradi


Harman, divisione di Samsung che si occupa di sistemi per veicoli connessi, introduce al CES soluzioni di contorno alla guida autonoma; oltre al Digital Cockpit, espone al pubblico un progetto già sviluppato e in fase di test che, in collaborazione con BMW, aiuta il cliente nella fase di acquisto dell'auto. È un software che già è stato fornito a 350 concessionari, in grado di mostrare attraverso la realtà virtuale e in tre dimensioni ciò che il cliente vorrebbe come optional. Così facendo si porta l'esperienza del cliente ad un livelllo premium, coinvolgendolo attivamente ancora prima dell'acquisto della vettura. Sono i primi esempi di come anche al di fuori della guida stessa, la tecnologia stia entrando in tutto ciò che riguarda il mondo dell'auto, connessa perfino alla casa in un ecosistema smart.