Vista da vicino, la nuova concept impressiona per lo stile audace e imponente

Con i suoi 5 metri abbondanti di lunghezza, un passo che si avvicina ai 3 metri e un enorme cofano motore slanciato in avanti rispetto all’abitacolo la Lexus LF-1 Limitless vista qui al Salone di Detroit sembra davvero non porre limiti alla futura ammiraglia crossover giapponese. Lo stile porta all’estremo quello già proposto su Lexus LC ed LS, in particolare nella griglia frontale "a fuso" che è ogni volta più imponente e nelle linee della carrozzeria ispirate al metallo liquido che si trasforma in katana.


Ogni motorizzazione è possibile


In questo caso però l’enorme crossover disegnato nel centro stile californiano di Toyota vuole dare un saggio delle possibili evoluzioni Lexus, un esempio estremo di come potrebbe essere un SUV crossover di lusso di domani, degno erede dell’attuale Lexus LX. Per i motori non c’è problema, la Lexus LF-1 Limitless può montare un sistema fuel cell a idrogeno, ma anche un propulsore ibrido, ibrido plug-in o a benzina.


Con lo "Chaffeur mode" guida da sola


Un breve sguardo nell’abitacolo ci offre una panoramica sul presente e sul futuro di Lexus, con i quattro posti separati in lussuosi sedili singoli, lo spazio per il guidatore ben definito e la strumentazione raccolta all’essenziale dentro un piccolo cruscotto digitale. Il resto è un trionfo di pellami pregiati, finiture in metallo satinato, innovativa illuminazione d’ambiente e l’immancabile modalità di guida autonoma chiamata "Chaffeur mode".

Lexus LF-1 Limitless, il futuro dell’ammiraglia è nel crossover

Foto di: Fabio Gemelli