Lo hanno richiesto le autorità tedesche per la sospetta presenza di un software illecito per il controllo delle emissioni

La KBA tedesca, le cui funzioni corrispondono più o meno a quelle del nostro Ministero dei Trasporti, ha imposto ad Audi il richiamo di 127.000 auto diesel omologate Euro 6. La misura vale ovviamente solo in Germania, motivo per cui i clienti italiani di Audi non sono coinvolti. Si tratta comunque di una misura molto significativa, perché interessa veicoli prodotti e venduti ben dopo lo scoppio del Dieselgate.

La risposta di Audi comunque non si è fatta attendere: “Quei modelli erano già stati inclusi in una campagna volontaria di richiami più ampia - di 850.000 unità - promossa lo scorso luglio, per i motori V6 e V8 TDI. Il software di controllo del motore verrà riscritto da cima a fondo, collaudato e sottoposto alla KBA per l’approvazione finale”. Entro il 2 febbraio, comunque, Audi è tenuta a far sapere alle autorità come intende intervenire sul software. I modelli interessati sono i seguenti: A4, A5, A6, A7, A8, Q5 e Q7.

 

Nissan do Brasil arruola la Leaf per fare da taxi a San Paolo

Foto di: Eleonora Lilli