Basata su una piattaforma tutta nuova, sarà dedicata unicamente al mercato cinese e non arriverà in Italia

È un momento di grandi novità per Jeep che, dopo aver presentato la nuova generazione della Wrangler e il restyling della Cherokee, si prepara a lanciare un terzo modello, destinato però al solo mercato cinese. Si tratta della Jeep Grand Commander, grosso SUV a 7 posti derivato dalla concept Yuntu, presentata lo scorso anno al Salone di Shanghai. Un modello importante per il brand di FCA che potrà così rafforzare la propria presenza in Cina e puntare ad aumentare ulteriormente le vendite. Un altro passo verso quanto dichiarato da Marchionne pochi giorni fa, quando disse che Jeep potrebbe arrivare a vendere 7 milioni di unità all’anno.


La più grossa


Il frontale della nuova Jeep Grand Commander riprende in parte quello delle sorelle minori, mantenendo la classica griglia a 7 feritoie. Sono invece nuovi i gruppi ottici (a led) con un disegno più squadrato e sottile. La vista laterale mostra tutta l’imponenza del nuovo SUV 7 posti, con passo particolarmente lungo e il lunotto verticale, per lasciare spazio agli occupanti della terza fila di sedili. Infine le luci posteriori, altro elemento stilistico completamente nuovo, più stondato rispetto alle sorelle. Degli interni non ci sono ancora immagini, ma sappiamo che ci saranno 3 file di sedili con configurazione 2+3+2. Anche le misure non sono state comunicate ma dovremmo essere intorno ai 5 metri di lunghezza o poco meno, come Volvo XC90 e Maserati Levante. Per avere dati certi bisognerà attendere con ogni probabilità il prossimo Salonedi Pechino, in programma ad aprile.


In esclusiva


Oltre al video e a poche immagini della nuova Jeep Grand Commander non sappiamo molto, tranne che sarà basata su una piattaforma completamente nuova e dedicata esclusivamente a lei. Un modello 100% destinato alla Cina e che non varcherà i confini della Repubblica Popolare, ma si servirà di motori già esistenti, come ad esempio il 2.0 turbo benzina della nuova Jeep Wrangler. Di una versione ibrida non si fa parola, ma non è escluso che possa essere disponibile in futuro. Detto che non arriverà né Italia né in nessun altro mercato del mondo, non bisogna disperare perché se anche la Jeep Grand Commander resterà all’ombra della Grande Muraglia, ci saranno altri SUV 7 posti firmati Jeep. Non è infatti un mistero che la Casa statunitense stia lavorando alle nuove Wagoneer e Grand Wagoneer, il cui debutto dovrebbe avvenire nel corso del 2020.


 



Jeep Grand Commander, il SUV 7 posti per la Cina




Sarà dedicata unicamente al mercato cinese la Jeep Grand Commander, primo SUV 7 posti della Casa statunitense.

Jeep Grand Commander, il SUV 7 posti per la Cina