Un'idea folle, ma anche simpatica, sviluppata per un hotel vicino a Tokyo che automatizza anche cuscini e tavolini

A Mary Poppins bastava schioccare le dita per riordinare una stanza e far sparire il disordine. I clienti dell’hotel Park Ryokan di Hakone (Tokyo) invece non dovranno nemmeno far questo, perché la tecnologia viene in loro soccorso e li aiuta a riassettare pantofole, tavolini e cuscini senza dover piegare la schiena: ciò succede grazie ad una tecnologia sperimentale ispirata alla ProPilot di Nissan che automatizza il parcheggio sulle Qashqai e Leaf e in pratica aggiunge una sorta di guida autonoma alle speciali pantofole su ruote.


Un tasto per riordinare la stanza


Il sistema ProPilot adopera i sensori presenti ai margini della carrozzeria e misura lo spazio intorno all’auto. Se questo è ritenuto sufficiente allora il software dà il via al parcheggio semi-automatico, che il guidatore deve accompagnare premendo il freno e l’acceleratore (ma senza girare il volante, che lo farà da solo). La tecnologia dell’hotel Park Ryokan non è così sofisticata, ma in attesa di ricevere maggiori informazioni possiamo ipotizzare che sia simile o analoga a quella che riporta alla “base” i robot aspirapolvere, che integrano più semplice sensori ad infrarossi per capire dove sono e dove andare.


Stile tradizionale, tecnologie moderne


Le ciabatte, i tavolini ed i cuscini integrano al loro interno delle piccole rotelle retraibili, che li fanno muovere e riducono così il lavoro dei dipendenti dell’hotel: la sperimentazione ha proprio questo obiettivo (oltre che far conoscere l’albergo su internet). Il Park Ryokan è arredato in stile tradizionale giapponese e quindi le ciabatte vanno indossate fin dall’ingresso. Si trova ad Hakone, a nord ovest di Tokyo, all'interno di un parco famoso per i centri termali e la vista sul monte Fuji.



Nissan ProPILOT Park anche sulle pantofole




La tecnologia del parcheggio automatico Nissan ProPILOT Park applicato per la prima volta anche alle pantofole dell'hotel Ryokan.