BP investe nei caricatori portatili, per le stazioni di servizio e non solo

Che le più importanti compagnie petrolifere del mondo non siano particolarmente spaventate dall'avanzata delle auto elettriche ed elettrificate è un fatto noto da tempo, visti gli investimenti già dirottati su altri settori strategici dell'energia, ma vedere una colonnina elettrica portatile con il marchio BP fa comunque effetto. Altrettanto curioso è che il colosso britannico degli idrocarburi abbia deciso di investire 5 milioni di dollari (4 milioni di euro al cambio attuale) proprio in questa azienda americana, la FreeWire Technologies Inc., che produce il sistema di ricarica veloce su ruote raffigurato nella foto d'apertura.


La colonnina va all'automobile


La cosa più interessante di questo sistema di caricatori elettrici mobili è proprio il fatto che chi usa un'auto elettrica o ibrida plug-in non ha più bisogno di raggiungere la colonnina di ricarica, ma può più facilmente portare la colonnina vicino alla vettura. La cosa potrebbe tornare utile soprattutto nelle aree di servizio, nelle società di noleggio con un parco auto elettrico, per le flotte aziendali a zero emissioni, per i parcheggi privati che vogliono fornire un servizio in più o anche per i privati che vogliono essere liberi di ricaricare l'auto sia in garage che fuori. Da non sottovalutare è poi la possibilità di trasportare questo caricatore là dove ci sia necessità di un pieno elettrico d'emergenza.


Anche a carica rapida


In pratica i FreeWire Mobi Charger che BP utilizzerà da quest'anno in alcuni punti vendita BP selezionati nel Regno Unito e nel rest d'Europa sono delle grandi batterie portatili che si ricaricano semplicemente da una normale presa elettrica, anche quella di casa. Il modello L2 a corrente alternata ha una potenza di 7,5 kW, due prese J1772 utilizzabili contemporaneamente e la possibilità di ricaricare fino a sei auto elettriche con una singola carica. Per la carica rapida in corrente continua c'è il modello L3 da 50 kW che supporta gli standard CHAdeMO e Tesla e può soddisfare i bisogni di dieci auto. In entrambi i casi queste "colonnine mobili" possono essere ricaricate nelle fasce orarie in cui la corrente elettrica costa meno e collegate alla vettura in ogni altro momento.



FreeWire Mobi Charger, i caricatori mobili per auto elettriche




Ecco come funzionano le "colonnine" portatili per auto elettriche FreeWire Mobi Charger.

Colonnine per auto elettriche, spuntano le ruote

Foto di: Fabio Gemelli