Si apre nel migliore dei modi il 2018 delle auto in Italia: grazie al giorno lavorativo in più rispetto a gennaio scorso, come rivelano i dati pubblicati oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, le vendite di macchine nuove nel nostro Paese sono aumentare del 3,4% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso e hanno raggiunto quota 177.822 esemplari. Il primo bilancio dell’anno però non rende del tutto soddisfatto il presidente dell’associazione che raggruppa i costruttori di auto esteri presenti in Italia (UNRAE), Michele Crisci, secondo cui le vendite nei prossimi mesi dovrebbero risentire della grande quantità di auto a chilometri zero nei concessionari, che a fine 2017 erano pari a circa 180.000 unità. La situazione in vista dei prossimi mesi quindi non è rosea.

Vanno bene solo i francesi

Gennaio 2018 è stato un mese assai negativo per la Fiat, il primo costruttore in Italia, che ha venduto 34.470 auto e ha perso il 7,95% rispetto a gennaio 2017. La Volkswagen è rimasta stabile (13.382 auto, +0,77%) e la Ford ha ceduto lo 0,92%, scivolando dalle 12.648 auto di gennaio 2017 alle 12.532 del mese scorso. L’unica marca a sorridere fra le prime quattro è la Peugeot: le vendite sono migliorate del 14,54% rispetto a gennaio 2017 e hanno raggiunto l 10.879 unità. Gennaio è stato un brutto mese anche per la Renault, che ha perso il quarto posto di gennaio 2017 a scapito proprio della Peugeot: ora è quinta con 9.503 unità (-4,96%). La situazione è diversa considerando le vendite dei gruppi. In questo caso FCA guadagna lo 0,54%, complice il boom della Jeep (+108%), mentre PSA balza al secondo posto dopo l’acquisizione della Opel e vede crescere sia la Peugeot che la Citroen (+23,43%): il gruppo francese ha immatricolato 28.575 auto.

Prima la Panda, terza la Fiesta

Le vendite a gennaio del gruppo Volkswagen sono aumentate del 7,39% e hanno raggiunto i 23.885 esemplari, grazie ai buoni numeri di Audi (+14,11%), Seat (+11,24%) e soprattutto Skoda (+33,10%). Fra le prestazioni più convincenti va segnalato il +28,79% del gruppo Nissan, trainato proprio dalla Nissan, che è passata dai 4.820 esemplari di gennaio 2016 ai 6.446 di gennaio 2017. Gennaio 2018 non ha invertito la tendenza degli ultimi consuntivi, in cui il segno + a fine mese è stato raggiunto solo grazie alle vendite di aziende e società di noleggio. Ciò si registra anche nel primo bilancio del 2018: le immatricolazioni ai privati sono diminuite del 6,3%, mentre quelle alle aziende e al noleggio sono cresciute del 25,7% e del 15,5%. L’automobile più venduta è stata la Fiat Panda, con 11.237 esemplari, davanti alla Fiat 500X (5.734 unità) e alla Ford Fiesta (5.388 unità), che precede altre due vetture del costruttore nazionale: le 500 (5.263 esemplari) e la Tipo (5.215 “pezzi”).