Per il 5° anno di fila è prima per la qualità dell’ambiente di lavoro e per la Gestione delle Risorse Umane

Possedere una Lamborghini è il sogno di buona parte degli appassionati di auto; se non altro, tutti vorremmo avere il conto in banca per potercela permettere. Di sicuro, un impiego in Lamborghini è il sogno di ogni lavoratore italiano. Questo, almeno, è il risultato della ricerca di Top Employer Insitute, Top Employer Italia 2018: la classifica, per una volta, è slegata dall’andamento dell’azienda in termini di fatturato e utili (comunque ottimi, sulla scia del miglior risultato di sempre: +10% le auto vendute nel mondo nel 2017, per un totale di 3.815 unità), ma tiene conto di fattori come la qualità dell’ambiente di lavoro e delle politiche di gestione delle Risorse Umane. In altre parole, non contano i numeri, ma l’attenzione per le persone.


Aumento qualitativo ma anche quantitativo


La buona notizia nella buona notizia, per così dire, è che a beneficiare di questo ambiente attento alle esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori siano sempre più persone: con l’arrivo del super SUV Urus e la costruzione del nuovo stabilimento, Lamborghini ha assunto la bellezza di 500 persone, per un totale di poco meno di 1.600. Cifre importanti, per una realtà di proprietà tedesca ma “italianissima” nel suo radicamento territoriale a Sant’Agata Bolognese.


Mangia bene e tieniti controllato, lavorerai meglio


Una delle chiavi del successo di Lamborghini in questa speciale classifica sta nel programma People Care, che promuove l’alimentazione sana presso il ristorante aziendale, le vaccinazioni e lo screening senologico gratuito in collaborazione con la LILT (Lega Italiana Lotta ai Tumori), l’assicurazione sanitaria estesa a tutto il nucleo familiare e poi ancora, per le dipendenti in gravidanza, è prevista una serie di servizi, tra cui il pacchetto maternità previsto dall’assicurazione sanitaria, il maternity e paternity kit consegnato alla nascita del figlio, parcheggi rosa e iniziative formative come il coaching dedicato alle neomamme rientrate al lavoro. A tutto questo si aggiungono convenzioni con centri fitness ed esercizi commerciali, ma soprattutto programmi di formazione e aggiornamento per tutti i dipendenti, con l’obiettivo di accrescere il livello e il benessere medio dei lavoratori, da ogni punto di vista.

Lamborghini Urus, il SUV più veloce

Foto di: Fabio Gemelli