Il costruttore milanese ha messo a punto pneumatici specifici per la Senna, in grado di farla rendere al meglio e sopportare l’enorme carico aerodinamico

Qualsiasi ingegnere dell’auto vi dirà che non è così difficile tirar fuori 800 CV dal motore di una supersportiva. Il grosso del lavoro è rendere l’auto guidabile, facendole scaricare a terra l’enorme potenza evitando pattinamenti o reazioni al volante troppo brusche. Non a caso molti produttori di pneumatici collaborano direttamente con le case automobilistiche per definire la messa a punto delle nuove gomme. Ciò è avvenuto anche per la McLaren Senna, l’estrema coupé da 800 CV dotata di gomme Pirelli specifiche e con tecnologie derivate dal mondo delle competizioni.


Per chi va forte o fortissimo 


I proprietari della Senna dovranno scegliere al momento dell’ordine se equipaggiarla con pneumatici Pirelli P Zero o P Zero Trofeo, coperture entrambe molto sportive dedicate però ad un utilizzo rispettivamente più stradale o sportivo. I tecnici dell’azienda milanese hanno curato le due gomme sapendo che l’auto ha esigenze diverse rispetto alla 720S, per esempio, visto che la Senna genera un carico aerodinamico molto più sostenuto delle auto stradali (fino a 800 chili). Di conseguenza alla Pirelli hanno lavorato sui materiali (più resistenti di quelli per le gomme normali), sul peso (ridotto) e sul disegno del battistrada, ottenendo come risultato una gomma che permette l’auto di frenare con più efficacia e gli regala maggior precisione in curva.


Anche la 720S ha gomme Pirelli


La Pirelli aveva lavorato insieme al costruttore inglese anche sui pneumatici della 720S, in grado secondo la Pirelli di mordere meglio l’asfalto proprio grazie alle gomme P Zero sviluppate in collaborazione: la casa milanese parlava del 6% in più. La Senna verrà costruita da luglio 2018 in 500 esemplari ed è un bolide studiato in funzione della pista, il suo habitat naturale, dove può sfruttare l’incredibile rapporto fra peso e potenza: la McLaren dichiara 1.194 chili per 800 CV. La Senna è basata sulla 720S ma cambia profondamente a livello di stile, grazie alle fiancate scavate e all’enorme alla posteriore.

McLaren Senna, la supercar definitiva nel segno di Ayrton