Lo IED, Istituto Europeo di Design, è ormai presenza fissa al Salone di Ginevra e l’edizione non farà eccezione. Tra un mese infatti gli studenti del corso in Transportation Design presenteranno la Hyundai Kite, particolare concept con forme da dune buggy creata grazie alla collaborazione dei designer della Casa coreana. Un’auto estrema, un mero esercizio di stile, che per la prima volta ha visto gli studenti dell’ateneo torinese cimentarsi non solo nel creare lo stile della carrozzeria ma anche quello dell’abitacolo. Una sfida nella sfida anticipata da un primo bozzetto.


Obiettivo: divertirsi


Lunga 3,75 cm la Hyundai Kite è mossa da un motore elettrico e può ospitare 2 persone in un abitacolo senza coperture, eccezion fatta per un mini parabrezza sdoppiato. Un inno all’essenzialità e alla guida sportiva su qualsiasi terreno, anche quelli più difficili. Non si sa se la trazione sia integrale o meno, così come non si conoscono le specifiche sul motore. Considerano le misure compatte e il peso, anche lui presumibilmente contenuto, sulla carta le prestazioni dovrebbero essere interessanti.


Esperienza di guida


Proprio l’esperienza di guida è al centro della Hyundai Kite, che avrà un abitacolo con stile minimal per non distrarre eccessivamente il guidatore. Gli studenti dello IED si sono avvalsi dell’aiuto di aziende esterne per alcuni elementi, come Sabelt per le cinture di sicurezza a 4 punti e il cambio, firmato Gruppo Sila.