Nel 2015, il popolo della partita IVA ha comprato 193.335 auto nuove: il 20,5% in più del 2014

Sorpresa. Se le normali analisi del mercato delle auto nuove in Italia nel 2015 prendono in esame soprattutto famiglie e società di noleggio, stavolta i protagonisti sono i privati possessori di Partita IVA. Che rappresentano una categoria a sé, particolare (il 19,1% del totale immatricolazioni a privati): l’Unrae (Unione Case estere) parla di target di clientela con caratteristiche specifiche e non individuabile dai dati ministeriali. E dall’analisi del popolo della Partita IVA emergono numeri positivi: l’anno scorso, nel nostro Paese, sono state 193.335 le vetture immatricolate a quella categoria, in crescita del 20,5% rispetto al 2014. Ma sentite un altro dato fornito dall’Unrae: il fatturato generato da questi clienti nel 2015 è stato di 4,5 miliardi di euro, in crescita del 21% rispetto all’anno precedente.


Le varie “fette di torta”


Esattamente, queste 193.335 auto vendute al popolo della Partita IVA, da chi sono state comprate? La “torta” si divide così: il 50,7% è stato acquistato da imprese individuali, il 21,4% da professionisti, il 18,2% da agenti di commercio e il 9,7% da agricoltori. Dopodiché, la “fetta” che riguarda i professionisti viene divisa in questo modo: 4,8% studi legali, 3,4% commercialisti, 2,2% società di consulenza, 2,2% ingegneri e 1,7% architetti.


Come le vogliono


I privati possessori di Partita IVA, se comprano l’auto nuova, la prediligono diesel. Le vetture a gasolio rappresentano il 63,6%, ben 14 punti in più di quanto non avvenga per il totale dei privati. Le macchine a benzina non superano quota 21,7%. Seguono GPL (7,3%), metano (5%) e ibride (2,3%). Tira fortissimo il segmento SUV: 34,5%, ossia 7,5 punti in più del totale privati. Ciò a discapito delle berline che si fermano sotto il 46% di quota. Le monovolume e le station wagon compongono assieme il 7,4% del totale degli acquisti dei privati con Partita IVA.


Dove si comprano. E a che età


A fare la parte del leone sono Roma, Milano e Torino: è qui che il popolo della Partita IVA compra le auto nuove. Al 4° posto troviamo la provincia di Napoli che supera Bologna. Ovviamente, fra le Partite IVA cala la rappresentatività delle fasce più giovani della popolazione a beneficio di quelle intermedie 46-65 anni. Da segnalare infine che, nel mondo dei possessori di Partita IVA, il 9% dei clienti ha scelto di finanziare la vettura in leasing rispetto ad acquistarla in proprietà, a fronte del 2,5% nel mercato dei privati.