Elementi in carbonio made in Japan e un super V8 da 818 CV per raggiungere i 200 km/h in 10 secondi

Il tuner tedesco Carbonfiber Dynamics gioca d'anticipo. La nuova M5 non è ancora pronta? Proviamo a crearla noi: ecco una BMW M5 attuale ma vitaminizzata, per sottolineare al massimo la sua sportività estrema. Intanto il colore, il Fire Orange che rende omaggio a quello della M3 GTS della serie E92, e gli altri elementi scuri, a cominciare dalle ruote Vossen da 21" con assetto super ribassato. Poi gli elementi esterni, realizzati dagli specialisti giapponesi di 3DDesign, interamente in carbonio per ridurre il peso: splitter anteriore, spoiler e diffusore posteriori, minigonne, e niente altro, perché già l'originale ha quel che serve.


Le modifiche estetiche si possono avere anche su M4 ed M6, ma quel che più conta è però sotto il cofano, con il V8 4,4 litri spinto fino a 818 CV, più dei 600 CV delle altre versioni già realizzate da Carbonfiber Dynamics - che si chiamano Competition Edition e Pure Metal. Qualche numero, per farsi un'idea: da 0 a 200 km/h in circa 10 secondi, da 100 a 200 km/h in 6,6 secondi, velocità massima non dichiarata ma sicuramente superiore ai 305 km/h della M5 con il pacchetto M Driver. Il tutto se non si vuole aspettare: questa M5 è disponibile subito, ma la nuova Serie 5 arriverà a Detroit a inizio 2017, mentre per la futura M5 "ufficiale" occorrerà attendere circa un anno di più.

BMW M5, quella di Carbonfiber Dynamics è la più potente del mondo

Foto di: Sergio Chierici