Il comfort è il suo punto forte, ma non l'unico. Ecco come va in città, in autostrada, in campagna...

Quante sono le persone che acquistano un SUV e possono concedersi il lusso di non guidarlo mai in città? Pochissime, soprattutto perché automobili di questo genere hanno soffiato il posto alle classiche berline, monovolume e station wagon quale veicolo principale di famiglia: sono confortevoli, spaziose e indicate anche per i lunghi viaggi a pieno carico. In quanto prima auto di famiglia, spesso la si usa nel traffico di tutti i giorni. I SUV però (non tutti, almeno) non si lasciano impensierire dalla sfida e riescono anche ad essere gradevoli lungo percorsi extraurbani, come ci dimostrano Andrea e la Volkswagen Tiguan. Il SUV tedesco, con il motore 2.0 TDI da 150 CV e la trazione integrale 4motion, si rivela un buon compagno di viaggio e invita a percorrere chilometri su chilometri.


Sa essere veloce, ma preferisce il relax


La potenza viene erogata in maniera regolare e progressiva, tanto da mascherare le reali prestazioni del 2.0 TDI e far sembrare l’auto più lenta di quello è, ma l’accelerazione 0-100 km/h in 9,3 secondi è comunque soddisfacente per le esigenze del cliente tipo. Per godere di una risposta più decisa basta in ogni caso selezionare la modalità sequenziale del cambio o quella di guida Sport/Dynamic, che rende lo sterzo più duro. Questi accorgimenti non stravolgono però il carattere della Tiguan, molto turistico, che trae beneficio da un telaio piatto e capace di infondere confidenza fin dai primi chilometri. Tale obiettivo è reso possibile grazie ai cerchi da 19 pollici e ai pneumatici maggiorati, che rendono l’assetto molto più incisivo e forniscono anche un gran bel contributo in termini di estetica.


Senza trazione integrale si risparmia


Cerchi e pneumatici, di contro, incidono sui consumi: così allestita la Tiguan ha bisogno in media di 7 litri/100 km. Sono valori buoni ma non di riferimento, che possono migliorare sensibilmente “ripiegando” sul 1.6 TDI, da 116 CV, che fa risparmiare allo stesso tempo circa 4.000 euro all’acquisto: la 1.6 TDI d’ingresso parte da 28.750 euro, la 2.0 TDI da 32.550 euro. La Tiguan in prova, con trazione integrale e cambio automatico, parte invece da 36.950 euro. I costi di gestione scendono anche rinunciando alle quattro ruote motrici e scegliendo le versioni a trazione anteriore, quelle più gettonate in Italia, che non si muovono però con la stessa dimestichezza nel fuoristrada leggero. E’ difficile però che il proprietario di un SUV accetti di sporcarlo guidando lontano dall’asfalto…


[Foto di Enrico Terzo]

Volkswagen Tiguan, non va mai in difficoltà [VIDEO]