Il sistema è in grado di tracciare una mappa 3D attorno all'auto e migliorare le performance delle telecamere

Tesla ha annunciato la Versione 8 del suo Autopilot. Il nuovo aggiornamento del sistema di guida autonoma prevede un utilizzo più consistente dei radar di cui le Model S e le Model X sono già dotate ed un conseguente sfruttamento minore delle telecamere. I tecnici Tesla sono convinti che sia arrivato il momento in cui i radar possono essere usati come sistema di monitoraggio primario, senza il bisogno del riconoscimento visuale.


Una mappa 3D "condivisa"


L'aggiornamento è esclusivamente di tipo software perché le auto costruite a partire da ottobre 2014 sono già equipaggiate con questo sistema di radar che però, almeno finora, è stato usato solamente come supporto per le telecamere. Adesso i radar svolgono una funzione e molto più avanzata: tramite un segnale emesso ogni decimo di secondo, riescono a costruire una mappa 3D dell'ambiente che circonda la vettura in tempo reale. Non solo. Le informazioni "catturate" ed elaborate vengono condivise con le altre Tesla e tramite la geolocalizzazione gli Autopilot sapranno già, ad esempio, quale oggetto ha causato la frenata autonoma della vettura che passava in quel tratto di strada, prima che la telecamera lo rilevi. Ancora, saranno condivise le informazioni sulla larghezza delle carreggiate in modo tale che le auto possano regolare i parametri dell'Autopilot di conseguenza.


Sicurezza aumentata del 50%


Dopo i problemi e le critiche mosse all'Autopilot dovute all'incidente mortale avvenuto lo scorso maggio, in Tesla hanno lavorato non solo nell'ottica di migliorare la sicurezza attiva e passiva delle auto, ma anche di evitare la distrazione dei conducenti. L'Autopilot adesso, dopo aver invitato per tre volte consecutive chi guida a rimettere la mani sul volante, si disattiverà e obbligherà a parcheggiare la vettura e a riavviare motore e computer di bordo. Tutte queste novità introdotte dall'aggiornamento software, a detta dello stesso Musk, aumenteranno la sicurezza degli occupanti del 50%.

Tesla, come va l’ultima versione dell'Autopilot [VIDEO]