E' "fratello" del 2.0 a gasolio e potrebbe abbinarsi ad un nuovo cambio automatico, molto evoluto, oggi ancora in fase di sviluppo

Da tempo il gruppo Jaguar-Land Rover è al lavoro per sviluppare tecnologie sulla guida autonoma, destinate in futuro anche a veicoli adatti per il fuoristrada e che noi vi abbiamo anticipato nella nostra prova. L'impegno non sottrae però l'azienda da obiettivi più a breve termine: fra questi c'è il contenimento delle emissioni e il raggiungimento di una più elevata efficienza energetica. Novità in materia arrivano grazie ad un motore benzina di nuova introduzione, in commercio dal 2017, che adotta numerose soluzioni tecniche di rilievo e protette un sensibile miglioramento dei consumi. Il benzina appartiene alla linea Ingenium e prevede una costruzione di tipo modulare, la stessa dei motori a gasolio, grazie all'utilizzo di cilindri da 500 cc l'uno.


Va bene anche per i SUV


Il nuovo Ingenium a benzina si avvale di un sistema idraulico per controllare l'alzata delle valvole, del collettore di scarico integrato e di una turbina del tipo twin scroll. Questi accorgimenti, secondo le valutazioni di Jaguar-Land Rover, dovrebbero garantire un miglioramento delle prestazioni senza effetti negativi in termini di emissioni inquinanti: il motore Ingenium dovrà aiutare l'azienda a soddisfare l'obiettivo stabilito per il 2020, quando le automobili di nuova introduzione dovranno tagliare il 25% di anidride carbonica. Il gruppo non ha rivelato per il momento la cilindrata effettiva e la potenza del motore, anticipando però che verrà montato su automobili di vario tipo, dalle sportive ai SUV.


Con l'ottava lunga aumentano le percorrenze


Jaguar-Land Rover sta lavorando in maniera parallela anche su una nuova trasmissione automatica, definita per il momento Transcend, adatta per veicolo con motore longitudinale e trazione posteriore o integrale. Le sue particolarità sono il peso contenuto (-20 kg rispetto ad un tradizionale otto rapporti) e la "lunghezza" molto accentuata fra la prima e l'ultima marcia (l'ottava): il rapporto si attesta a 20 ed è maggiore del doppio rispetto a quello di un moderno otto rapporti. In questo modo Jaguar-Land Rover è convinta di migliorare la risposta dell'acceleratore alle velocità inferiore e ridurre i consumi, specie quando l'auto procede a velocità costante. Non è chiaro quando la trasmissione verrà lanciata in commercio.

Jaguar XE, alluminio inglese contro reputazione tedesca e sogno italiano

Foto di: Giuliano Daniele