L’ex collaudatore si “reinventa” imprenditore e lancia prodotti aftermarket per le sportiva del Toro

Molti appassionati considerano Valentino Balboni alla stregua di una vera e propria leggenda. Questo privilegio ha basi fondate, perché il 67enne ex pilota ha ricoperto per anni il ruolo di capo collaudatore della Lamborghini e ha ricevuto in omaggio anche una versione speciale, in edizione limitata, pochi mesi dopo il suo arrivederci all'azienda: quell'automobile è la Gallardo LP550-2 e rimane tutt'oggi molto ben considerata, in quanto fra le poche Lamborghini moderne a trazione posteriore. Balboni nel frattempo si è reinventato imprenditore – lui, però, sceglie ancora di farsi chiamare appassionato – e ha lanciato da alcuni mesi una linea di prodotti dedicati alle Lamborghini, la VB, che migliorano l'estetica o le prestazioni di quelli standard.


La prima creazione è un sistema di scarico per la Aventador SuperVeloce, che riprende le caratteristiche d'eccellenza dell'auto e assicura un incremento della potenza, nonostante ad ora non siano stati comunicati i valori ufficiali. L'impianto di scarico è stato montato per la prima volta su una Aventador SV Roadster targata non a caso "BELISMO", aggettivo che si può utilizzare anche per descrivere il suono emesso: una sinfonia rabbiosa, prepotente, che si può apprezzare sul sito valentinobalboni.net. Nella stessa occasione Balboni ha rivelato che l'impianto di scarico rappresenta un complemento dell'auto, rivolto a quegli appassionati che intendono guidare un modello lontano da tutti gli altri, rivolgendosi ad un nome conosciuto e non ad un preparatore dalle capacità dubbie.

Lamborghini Aventador LP 750-4 SV, ora il Toro "ruggisce"