Blu. E' questo il colore scelto da Alfa Romeo per la Giulia Veloce, attesissimo allestimento sportivo della berlina italiana che debutta a Parigi in occasione del Salone dell'auto (in programma dall'1 al 16 ottobre). "Veloce" è un nome evocativo della tradizione Alfa Romeo, come ricorda la casa stessa: era il 1956 quando nacque la Giulietta Veloce e da allora questo nome identifica le versioni più sportive e distintive del Biscione. Al salone francese la Giulia Veloce è esposta in due varianti, con cambio automatico a 8 rapporti e trazione integrale: la prima porta al debutto l'inedito colore Blu Misano ed è equipaggiata con il nuovo 2.0 Turbo benzina da 280 CV mentre la seconda Giulia Veloce, di colore grigio Silverstone, è dotata del nuovo 2.2 Diesel 210 CV.  Esteticamente si distingue per dettagli specifici, come i paraurti inediti e le mostrine delle porte in nero lucido, e contenuti più sportivi (l'estrattore posteriore specifico che integra il doppio terminale di scarico e i cerchi in lega da 19"), mentre all'interno spiccano i nuovi sedili Sport in pelle disponibili in tre colori, il volante sportivo con impugnatura specifica e riscaldato, gli inserti in alluminio su plancia, tunnel centrale e pannelli porta e i fari allo Xenon. Sulla fiancata compare il badge "Veloce", così come su Giulietta e MiTo.

In anteprima mondiale, sulla Giulia Veloce debutta il sistema di trazione integrale con tecnologia Q4, che nel dettaglio comprende una scatola di rinvio attiva e un differenziale anteriore per gestire in tempi molto rapidi una coppia elevata. In condizioni normali, la Giulia Veloce con sistema Q4 si comporta come un veicolo a trazione posteriore (il 100% della coppia è inviato all'assale posteriore), ma in pratica il sistema Q4 monitora continuamente le condizioni di guida e i numerosi parametri per garantire la miglior ripartizione della coppia tra i due assali in funzione dell'utilizzo della vettura e dell'aderenza disponibile a terra. Ad esempio, grazie alle informazioni raccolte dai sensori di accelerazione laterale e longitudinale, di angolo volante e di velocità d'imbardata può prevedere le perdite di aderenza delle ruote. Tutte le informazioni online tra poco.

Fotogallery: Alfa Giulia e Fiat Tipo, ecco quanto vendono in Italia