Il visore principale dell’Autopilot diventa il radar, che sostituisce la telecamera: ne guadagna la sicurezza

Il tweet pubblicato ieri da Elon Musk ha sancito l'esordio ufficiale del rinnovato software per le sue automobili elettriche, giunto alla versione 8.0, disponibile a partire dalla notte statunitense per le Tesla Model S e Model X. L'aggiornamento si può effettuare in maniera wireless e rappresenta – come ammesso da Musk – un sensibile miglioramento rispetto alla versione 7, in particolare riguardo alle funzioni di guida semi-autonoma: l'Autpilot gestisce infatti il complesso impianto di sensori (composto da telecamere, radar, ultrasuoni e GPS) ordinabile sulle Tesla, che permette loro di cambiare corsia senza l'apporto del conducente e di procedere in maniera semi-autonoma lungo strade a scorrimento.


Con il radar la guida semi-autonoma diventa più affidabile


La distribuzione sarà effettuata in maniera graduale e con tempistiche diverse a seconda del mercato di appartenenza. L'aggiornamento dell'Autopilot interessa soltanto i modelli prodotti dal 2014, equipaggiati con i dispositivi necessari per garantire il pieno funzionamento del sistema, e introduce una significativa novità di carattere tecnico: la telecamera viene sostituita dal radar quale visore principale per la guida semi-autonoma, ritenuto più affidabile e preciso nelle condizioni a bassa visibilità (anche in presenza di nebbia). Il radar mappa l'ambiente circostante con maggior precisione e ha una "gittata" superiore alla telecamera, riuscendo a vedere fino ad oltre le due auto che precedono.


Il climatizzatore si accende da solo


Nella modalità di guida semi-autonoma i sorpassi verranno effettuati con minor scarto, la frenata d'emergenza sarà messa in funzione più di frequente e l'attivazione della freccia laterale guiderà l'auto verso una rampa d'uscita (ma solo negli Stati Uniti). Musk, fondatore e amministratore dell'azienda, ha scritto in termini entusiastici di una nuova funzione per il climatizzatore, che lo attiva in automatico quando nell'abitacolo si oltrepassano i 40° centigradi: in questo modo l'interno rimane sempre fresco, ma Tesla vuole scongiurare anche il pericolo di causare la morte di un bambino o di un animale quando lo si dimentica nell'auto parcheggiata al sole.

Tesla, come va l’ultima versione dell'Autopilot [VIDEO]