La concept spagnola è equipaggiata con il 4 cilindri 2.0 TDI da 190 CV ed ha una speciale vernice antigraffio

La regina del ballo delle debuttanti sfodera improvvisamente, e inaspettatamente, gli artigli. Seat Ateca, la prima SUV della storia della Casa spagnola, si presenta al Salone dell’auto di Parigi nell’inedita veste X-Perience. Per ora si tratta di una concept con una spiccata vocazione al fuoristrada, ma non è escluso che in futuro ne derivi una versione di serie, similmente a quanto accaduto all’interno della gamma Leon ST dove la denominazione X-Perience identifica l’allestimento tecnico ed estetico all terrain.


4WD, DSG e 2.0 TDI da 190 CV


Le slitte antiurto sottoscocca, i cerchi in lega da 18 pollici abbinati a pneumatici dalla spalla maggiorata e le protezioni in plastica a contrasto lungo paraurti, archi passaruota e minigonne sono l’antipasto. La portata principale è rappresentata dall’abbinamento del motore più performante in gamma, vale a dire il 4 cilindri 2.0 TDI da 190 CV e 400 Nm di coppia, con il cambio a doppia frizione DSG a 7 rapporti e la trazione integrale 4Drive corredata della frizione Haldex e del sistema Driving Profile di derivazione Volkswagen Tiguan. Tecnologia, quest’ultima, che permette di optare per diversi programmi di marcia (tra i quali la modalità Offroad) in grado di armonizzare l’erogazione del propulsore, gli interventi dell’elettronica, la ripartizione della coppia tra gli assali e la logica di gestione del cambio DSG. Soluzioni, a dire il vero, già condivise dalle versioni più performanti di Ateca.


Ricca dotazione di serie


La vocazione off road della concept X-Perience è rafforzata dalla tinta verde oliva antigraffio con inserti arancio, estesi alle pinze dei freni. Tanta aggressività trova conferma in abitacolo, dove spiccano l’illuminazione ambientale a LED, le cuciture a contrasto dei sedili in pelle, i tappetini in gomma e una dotazione decisamente completa. Non mancano infatti il cruise control adattivo, la frenata automatica d’emergenza, la segnalazione di superamento involontario della linea di corsia, il riconoscimento della segnaletica stradale, l’avviso d’ostacolo in corrispondenza dell’angolo di visuale cieco, la telecamera con visuale a 360°, l’assistenza al parcheggio e, sotto il profilo multimediale, la connettività Full Link che integra i protocolli Apple CarPlay e Android Auto, oltre al display da 8 pollici del sistema d’entertainment e alla ricarica induttiva per gli smartphone. Ateca X-Perience è sì votata al fuoristrada, ma senza alcuna rinuncia nella vita di tutti i giorni.

Seat Ateca X-Perience, "più fuori" che strada