Linda Jackson ci parla di un lusso diverso e promette comfort su tutta la gamma

Di fronte ad una concept originale, moderna e non troppo lontana dalla produzione di serie come la Citroen CXperience è difficile rimanere indifferenti, soprattutto quando si sale a bordo come abbiamo fatto al Salone di Parigi. Per capire meglio cosa anticipa questo prototipo abbiamo parlato con Linda Jackson, ad di Citroen e una delle donne più influenti nel mondo dell'automobile. Di fronte ad una tazza di tè la manager inglese ci ha detto che la CXperience è "l'alto di gamma secondo Citroen, diversa da tutte le altre e in grado di esplorare nuove frontiere del comfort."


Dalla CXperience deriverà in futuro l'ammiraglia "smart" di Citroen, la grande berlina comoda per tutti i passeggeri, pratica e senza utilizzo interno di pelle o cromature. Insomma, qui si sperimenta quel livello di comodità legato a sospensioni, sedili e molto altro che "dal top di gamma sarà esteso a tutti i modelli" del Double Chevron. Alla base di questa democratizzazione del comfort c'è l'innovativo modulo sospensioni a cuscini idraulici progressivi, una soluzione che rispetto alle storiche sospensioni idropneumatiche risulta più efficiente, leggera ed economica. A questo si aggiungono i sedili a memoria di forma che si adattano ad ogni passeggero.

Salone di Parigi, Citroen CXperience è l'ammiraglia "smart"