Allestita come un vero e proprio mezzo operativo, guiderà gli aerei alla pista di decollo fino a gennaio 2017

Si sa, tra le supercar e gli aeroporti c'è un certo feeling. Questo perché, sulle lunghe piste di decollo e atterraggio, si possono scatenare le centinaia di CV che scalpitano sotto il cofano dei bolidi. Però questa volta l'iniziativa di Lamborghini è un po' diversa: la Huracan Follow Me "in prestito" all'Aeroporto G. Marconi di Bologna non dovrà dimostrare le prestazioni del suo V10 aspirato da 610 CV ma si limiterà a farsi seguire dagli aeromobili che devono essere condotti tra il piazzale di sosta e la via di rullaggio. La livrea della Lamborghini Huracan Follow Me è stata disegnata dal Centro Stile Lamborghini di Sant'Agata Bolognese e ha una trama a quadretti neri su carrozzeria gialla, la stessa che useranno tutti i futuri mezzi operativi che si muovono all'interno dell'area di manovra dell'aeroporto.


Sulla fiancata fa bella mostra una grafica che rappresenta lo "skyline" di Bologna, mentre sullo spoiler anteriore c'è il tricolore italiano. Non possono mancare gli equipaggiamenti classici di un mezzo operativo: lampeggianti, impianto radio collegato alla torre di controllo e una barra segnaletica sul tetto. Non è comunque la prima volta che Lamborghini collabora con l'Aeroporto Marconi di Bologna. Nel 2013 infatti, per festeggiare i 50 anni della Casa del Toro, oltre all'organizzazione di una mostra, era stata consegnata una Aventador Follow Me che svolgeva le stesse mansioni che quest'anno saranno affidate alla Huracan. L'iniziativa coprirà l'arco temporale del Motor Show, in programma dal 3 all'11 dicembre proprio nella città emiliana, evento al quale parteciperà anche OmniAuto.it con i suoi giornalisti e altre iniziative speciali.

Gallery: Una Lamborghini Huracan per l'Aeroporto di Bologna