La coupé tedesca stacca il tempo di 7'10"9 sul difficilissimo tracciato tedesco

Chiunque ormai può fare un record al Nurburgring (il vecchio tracciato da oltre 20 km), tante sono le classificazioni; ok, la possibilità di fare record non è proprio per tutti, ma per molti lo è di sicuro. L'ultimo primato - in questo caso molto serio - a cadere è quello relativo a un'auto messa alla prova dal magazine "sport auto" e non, quindi, da un collaudatore ufficiale con il team di meccanici e ingegneri specializzati al seguito. Il tempo di 7'10"9 è molto significativo, però, perché fa della Mercedes-AMG GT R non solo l'auto più veloce mai messa alla prova dalla testata specializzata francese, ma la quarta di tutti i tempi fra quelle omologate per la strada. Un riscontro notevole, per la più estrema delle coupé di Stoccarda, che con i suoi 585 CV e un telaio da corsa è dietro solo al 6'57 della Porsche 918 Spyder (Weissach Package), al 6'59"73 della Lamborghini Aventador SV e al 7'08"69 della Nissan GT-R Nismo.


A guidarla, l'esperto Christian Gebhardt, che da diversi anni corre la 24 Ore del Nürburgring, vincendola proprio quest'anno, nella propria classe, con una Porsche Cayman GT4 Clubsport. Tornando alla Mercedes AMG GT R, è spinta da un 4.0 biturbo da 585 CV e 700 Nm di coppia, scaricati, attraverso un cambio a doppia frizione e sette marce, sulle ruote posteriori. Tra di loro lavora un differenziale autobloccante a controllo elettronico che vanta nove diversi programmi selezionabili. Risultato: 0-100 km/h in 3,6 secondi e 318 km/h di velocità massima. Ci sono poi l'asse posteriore sterzante e un assetto che conta su cerchi anteriori da 19" e posteriori da 20" con pneumatici Michelin Sport Cup 2, nella misura 275/35 e 325/30 rispettivamente.

Mercedes-AMG GT R, 585 CV verdi di rabbia