La coupé raggiunge i 4,83 metri in lunghezza e diventa più spaziosa, anche per quattro

Lo stereotipo della coupé essenziale e spartana non corrisponde a modelli come ad esempio la Mercedes Classe E Coupé, dalla chiara vocazione gran turismo, dove il comfort e l'abitabilità interna sono paragonabili a quelli di una berlina: il nuovo modello guadagna 12 cm in lunghezza rispetto a quello uscente e vede incrementare tutte le quote dell'abitacolo, a partire dallo spazio per le ginocchia posteriori (+7,4 cm) fino a quello per la testa dei passeggeri anteriori (+1,8 cm). La seconda generazione della E Coupé pertanto non cambia solo a livello di stile, uniformandosi alle recenti Classe E berlina e station wagon, ma cresce in lunghezza e diventa ancora più sfruttabile e trasversale, come testimonia anche la regolazione molto conservativa delle sospensioni Direct Control (di serie): l'assetto è ribassato di 15 mm rispetto alla berlina, ma il molleggio resta comunque molto accentuato.


Le luci ti accolgono quando entri


Il modello sarà in commercio nella prima metà del 2017 e si potrà ordinare inizialmente con quattro motori: sono i benzina a quattro cilindri 2.0 da 184 CV (E 200), 2.0 da 245 CV (E 300) e sei cilindri 3.0 da 333 CV (E 400 4Matic), l'unico abbinato alla trazione integrale, in aggiunta al diesel quattro cilindri 2.0 da 194 CV (E 220 d). Di serie è prevista la trazione posteriore. Le prestazioni sono elevate anche per la variante dalla potenza inferiore, come testimoniano l'accelerazione 0-100 km/h in 7,8 secondi e la velocità massima pari a 240 km/h. La Classe E Coupé riprende dalla berlina anche la dotazione tecnologica, a partire dal quado strumenti digitale Widescreen Cockpit, ma aggiunge la novità delle luci posteriori direzionali: il fascio luminoso, aprendo le portiere, si illumina dall'interno verso l'esterno e accoglie in tal modo i passeggeri. L'opposto avviene quando si chiude l'auto. La tecnologia è abbinata alle luci a LED Multibeam.


Tre tipologie di assetto


In tema di personalizzazione viene concesso all'acquirente di scegliere fra materiali più o meno costosi e fra diverse tarature dell'assetto, attraverso sospensioni tradizionali, tradizionali regolabili o ad aria: nel primo caso l'assetto è ribassato di 15 cm rispetto alla berlina, nel secondo (chiamato Dynamic Body Control) è possibile scegliere fra le modalità Comfort, Sport e Sport+ e nel terzo (Air Body Control) il molleggio viene filtrato con maggior precisione, complice la struttura interna della sospensione molto più evoluta. In tal modo è possibile sopperire all'incremento della lunghezza esterna, che raggiunge i 4,83 metri, in seguito agli 11 cm aggiunti nella misura del passo (2,87 metri). La Mercedes Classe E Coupé riprende dalla berlina tutte le più moderne tecnologie di assistenza alla guida, come il pilota semi-automatico Drive Pilot, che mantiene l'auto nel flusso di marcia fino alla velocità di 210 km/h.

Mercedes Classe E, il “mini” ibrido a 48V

Foto di: Adriano Tosi