Aperto a Parigi il locale eco sostenibile dove carta di credito e contanti non servono a nulla

"Un caffè per favore! Sono 30 Watt, grazie". Sì, al Nissan Electric Café di Parigi le consumazioni si pagano con l'energia. Ci si può tranquillamente dimenticare della carta di credito o dei contanti perché per il marchio giapponese la moneta di scambio è solo l'energia. Un fulmine per identificare la valuta e tanta tecnologia concentrata in un piccolo locale nel cuore dell capitale francese, che ha tanto da dimostrare. La mobilità sostenibile secondo Nissan è più semplice e più alla portata di quanto si possa pensare e l'inaugurazione avvenuta ieri sera di questo pop-up café celebra il traguardo di 3 miliardi di km percorsi dai possessori di Nissan Leaf di tutto il mondo. Questo dato non è insignificante, anzi, perché vuol dire che sono finite 500.000 tonnellate di C02 in meno nell'aria.


Questione di mentalità


Per il momento l'apertura al pubblico di questo locale "pieno d'energia" è limitata, e sarà possibile pagare con i watts solo fino al 18 dicembre, ma il concetto fondante di questa iniziativa sta nella mentalità che, secondo Nissan, deve prendere piede affinché l'auto elettrica che è solo la punta dell'iceberg della mobilità sostenibile, possa avere un senso concreto. All'interno del locale esistono differenti modalità per produrre energia e pagare il conto, come ad esempio dei pedali simili a quelli di una bicicletta posti sotto il bancone (Cyclette WeWatt grazie al quale l'energia cinetica diventa meccanica e quindi è trasformata in energia). L’apertura del Nissan Electric Café segue il lancio di Electrify The World, una nuova piattaforma digitale e forum di discussione dove Nissan, tramite i social media e il web, si rivolge al pubblico europeo per promuove nuovi dibattiti sulla sostenibilità e gli stili di vita a impatto zero.


Come funziona


Se si è abbastanza allenati si può bere senza mettere mano al portafogli, ma la punta di diamante del locale parigino è la tecnologia xStorage sviluppata dall'azienda Eaton in collaborazione con Nissan. Si tratta di un sistema di stoccaggio composto da batterie nuove o di seconda mano (quelle delle auto in disuso ad esempio) e permette di gestire al meglio l'energia che si produce e quindi si accumula. Questo sistema, oltre ad essere presente nel Nissan Electric Café, è disponibile in prevendita (e nella versione Home) per il Regno Unito, la Francia, la Norvegia e per la Germania. Ultimo, ma di una rilevanza notevole, il pavimento Pavegen che è pensato per generare elettricità sfruttando la pressione del piede. Un piccolo locale come il Nissan Electric Café, può essere lo stimolo per un nuova concezione della produzione d'energia.

Nissan Electric Café, qui si paga con l'energia

Foto di: Lorenzo Catini