Le prenotazioni sono gratuite e non vincolanti, quindi potrebbero non rispecchiare il vero numero di potenziali acquirenti

La rivalità fra Tesla e Faraday Future si consuma al momento con i dati sulle prestazioni e le specifiche tecniche, unici elementi oggi disponibili per raffrontare i crossover Model X e FF 91. L'ambito della contesa si sposterà dal prossimo anno ai numeri di vendita e alle quote di mercato. La partita in realtà è già iniziata, complice il primo annuncio della società cinese, che ha rivelato nelle scorse ore di aver già raccolto 64.124 prenotazioni per il suo modello d'esordio, svelato pochi giorni fa e atteso in vendita a partire dal 2018. Il dato è molto significativo, visto che la FF 91 sarà un'automobile lunga 5,25 metri e dal prezzo ben superiore a 100.000 dollari, ma come spesso in questi casi va interpretato e analizzato: il sospetto è che il numero sia volutamente poco controllato per far aumentare la visibilità dell'azienda.


Questo perché la Faraday Future permette di effettuare due tipi di prenotazione: una, quella base, è gratuita; l'altra, definita "priority", comporta il versamento di 5.000 dollari (rimborsabili) e consentirà in futuro di acquistare l'edizione speciale Alliance. La Faraday Future non ha rivelato per adesso la composizione degli ordini, ma è plausibile immaginare che la gran parte siano del tipo gratuito. Il sito Jalopnik, per di più, ha dimostrato che è possibile effettuare più richieste allo stesso tempo, quindi è probabile che i 64.124 pre-ordini non corrispondano a 64.124 persone. Chi sottoscrive l'opzione "priority" può candidarsi per acquistare la versione Alliance Edition, disponibile in 300 esemplari e caratterizzata dalla vernice specifica Silicon Valley Aluminum, da finiture interne dedicate, da un'interfaccia digitale specifica e dall'iscrizione al club di proprietari Futurist Club.

Faraday Future correrà il Pikes Peak. In elettrico