L’alsaziano si aggiudica una quinta tappa caratterizzata dal maltempo, mentre Peterhansel sale al vertice della generale

692 km di cui 447 di speciale. Avrebbe dovuto essere questo il programma della Tupiza – Oruro (prova per la totalità in terra boliviana), ed invece il maltempo che ha reso impraticabile il percorso ha costretto la direzione gara a dare un sforbiciata e a ridurre i chilometri a 219. La notizia è arrivata quasi a metà speciale, ma non ha provocato scossoni.


Com'è andata


Sébastien Loeb su 3008 DKR, è partito subito in quarta e ha tagliato per primo il traguardo rallentato soltanto da un piccolo errore di navigazione. Alle sue spalle, ad appena 40” Nani Roma su Toyota e a 1'31 il compagno di squadra Stephane Perterhansel, che approfittando della sbavature altrui è balzato in testa alla generale. Giù dal podio e staccatissimo proprio a causa di problemi di orientamento il trionfatore di giovedì Cyril Despres. Il francese della Peugeot ha chiuso a 10'31 dal connazionale e ha preceduto Romain Dumas, pure lui su auto del Leone, giunto a 11'55. Dietro di loro alcuni nomi nuovi per quanto concerne i migliori dieci. Sesto a 16'42 Conrad Rautenbach su Hilux Imperial; settimo a 18'08 il transalpino Eric Bernard su Buggy BV2 e a 21'51 Orlando Terranova su MINI John Cooper Works Rally. Ha confermato la propria competitività nonostante un importante gap dal leader di 28'59 il polacco Jakub Przygonski su MINI All 4 Racing. Decimo a 29'51 Giniel de Villers su Toyota, anch'egli alle prese con un'errata lettura del roadbook.


Alle spalle della top 10


Undicesimo a 31'46 Erik Van Loon su Toyota davanti a Khalid Al-Qassimi su 2008 DKR a 39'05 e a Yazeed Al-Rahji su MINI JCW, tornato in corsa dopo il malore dovuto all'altitudine accusato nella quarta tappa, staccato di 40'23. Quattordicesimo a 41'49 Boris Garafulic su MINI All 4 Racing, quindi a meno di un minuto di distanza Mikko Hirvonen su MINI JCW Rally, in difficoltà nel WP3 quando ha completamente sbagliato strada. Solo ventottesimo a 1h10'14 Martin Prokop su Ford F150 Evo. Trentottesimi i gemelli De Lorenzo su Toyota Land Cruiser 155 a 1h23'18 dal top. A seguito dello spettacolare incidente che ha semi-distrutto la sua 3008 DKR nel tratto conclusivo della San Salvador de Jujuy – Tupiza non è potuto ripartire Carlos Sainz. Per il Matador dei traversi si tratta del quinto ritiro nella competizione nel deserto. Sabato si riparte per la Oruro – La Paz di 527 km (786 km complessivi).


La Classifica


1. Loeb (Francia) / Elena (Principato di Monaco) Peugeot 3008 DKR 2h24'03
2. Roma (Spagna) / Haro Bravo (Spagna) Toyota Hilux + 44”
3. Peterhansel (Francia)/Cottret (Francia) Peugeot 3008 DKR + 1'31
4. Despres (Francia)/ Castera (Francia) Peugeot 3008 DKR + 10'31
5. Dumas (Francia)/Guehennec (Francia) Peugeot 3008 DKR + 11'55
6. Rautenbach (Zimbawe)/Howie (Repubblica Sudafricana) Toyota Hilux + 16'42
7. Bernard (Francia)/Vigneau (Francia) Buggy Buggy Bv2-1 Proto Sodicars + 18'08
8. Terranova (Argentina)/ Schulz (Germania) MINI John Cooper Works +21'51
9. Przygonski (Polonia)/Colsoul (Belgio) MINI All 4 Racing + 28'59
10. De Villiers (Repubblica Sudafricana) / Von Zitzewitz Toyota Hilux (Germania) + 29'51


La Classifica Generale


1. Peterhansel (Francia)/Cottret (Francia) Peugeot 3008 DKR 14h02'58
2. Loeb (Francia) / Elena (Principato di Monaco) Peugeot 3008 DKR + 1'09
3. Despres (Francia)/ Castera (Francia) Peugeot 3008 DKR 11h33'16 + 4'54
4. Roma (Spagna) / Haro Bravo (Spagna) Toyota Hilux + 5'35
5. Hirvonen (Finlandia) / Perin (Francia) MINI John Cooper Works Rally + 42'21
6. Przygonski (Polonia)/Colsoul (Belgio) MINI All 4 Racing + 59'55
7. Terranova (Argentina)/ Schulz (Germania) MINI John Cooper Works Rally + 1h04'49
8. De Villiers (Repubblica Sudafricana) / Von Zitzewitz Toyota Hilux (Germania) + 1h08'11
9. Garafulic (Cile)/ Palmeiro (Portogallo) MINI All 4 Racing + 1h57'40
10. Dumas (Francia)/Guehennec (Francia) Peugeot 3008 DKR 2h22'17


Dakar 2017, le tappe


➤ 2 Gennaio: da Asuncion (Paraguay) a Resistencia (Argentina) – 454 km
➤ 3 Gennaio: da Resistencia (Argentina) a San Miguel de Tucuman (Argentina) – 803 km
➤ 4 Gennaio: da San Miguel De Tucuman (Argentina) a San Salvador de Jujuy (Argentina) -780 km
➤ 5 Gennaio: da San Salvador de Jujuy (Argentina) a Tupiza (Bolivia) – 521 km
➤ 6 Gennaio: da Tupiza (Bolivia) a Oruro (Bolivia) – 692 km
➤ 7 Gennaio: da Oruro (Bolivia) a La Paz (Bolivia) – 786 km
➤ 8 Gennaio: Riposo a La Paz (Bolivia)
➤ 9 Gennaio: da La Paz (Bolivia) a Uyuni (Bolivia) – 622 km
➤ 10 Gennaio: da Uyuni (Bolivia) a Salta (Argentina) – 892 km
➤ 11 Gennaio: da Salta (Argentina) a Chilecito (Argentina) – 977 km
➤ 12 Gennaio: da Chilecito (Argentina) a San Juan (Argentina) – 751 km
➤ 13 Gennaio: da San Juan (Argentina) a Rio Cuarto (Argentina) – 759 km
➤ 14 Gennaio: da Rio Cuarto (Argentina) a Buenos Aires (Argentina) – 786 km

Dakar 2017, Loeb di nuovo a segno