Nuovo pianale e un motore cattivo, la nuova LS rimane però attenta al comfort

Più bassa, più larga e più lunga. La nuova Lexus LS, presentata al Salone di Detroit e arrivata alla quinta generazione, ha ricevuto come "regalo" la piattaforma GA-L, finora destinata alla LC 500 Coupé. Questa novità vuol dire una cosa sola: più prestazioni. Già dalle linee (che avevavamo ipotizzato nel nostro rendering) si intuisce che questo nuovo modello ha doti più sportive e dinamiche; nonostante le dimensioni siano cresciute il carattere rimane aggressivo (nel frontale l’inconfondibile griglia sembra voler mordere letteralmente l’asfalto), mentre nelle fiancate arriva una novità per una berlina Lexus, il profilo a sei finestrini.


Comfort di serie


Di serie la nuova LS monta cerchi da 19 pollici, ma, su richiesta, si possono montare i 20. Massima attenzione al comfort di bordo; per ridurre i rumori indesiderati in cabina è stato studiato un nuovo rivestimento fonoisolante e, oltre a questo, è stato studiato un sistema in grado di "annullare" le frequenze dei rumori esterni attraverso l’impianto audio. Ad intrattenere i passeggeri ci pensa un sistema di infotelematica di ultima generazione: lo schermo della plancia misura oltre 12 pollici.


...e cavalli a volontà


A spingere la nuova di Casa Lexus è un generoso 3.5 litri V6 biturbo. Potenza? Tanta: 420 CV e 600 Nm di coppia. La trasmissione è affidata ad un cambio automatico a 10 rapporti. Il risultato finale è una berlina in grado di arrivare da zero a 100 km/h in 4,5 secondi. Gli ordini si potranno fare a partire dalla fine di quest'anno in più di 90 paesi (Italia inclusa), il che vuol dire che per i prezzi - e le altre motorizzazioni - bisognerà pazientare almeno altri due mesi.

Lexus LS, ti assiste in ogni manovra

Foto di: Adriano Tosi