La media ceca si rinnova nello stile e nelle dotazioni. Resta invariata la gamma motorizzazioni

A tre anni dal debutto, per la Skoda Octavia è arrivato il momento del canonico restyling di metà carriera, che coinvolge le versioni "standard", le sportive RS e la più "avventurosa" Scout. E visto che si tratta del modello più venduto della Casa ceca, gli aggiornamenti sono di sostanza e si concentrano sullo stile e sulla dotazione. Tanto per cominciare, c'è un nuovo frontale: i fari (disponibili anche full LED) ora sono sdoppiati e hanno la parte interna che arriva a toccare la mascherina, più allungata rispetto al passato e con i sensori del radar integrati. Anche la parte inferiore è stata rinnovata, con nuove forme per i fari fendinebbia e un "baffo" cromato che attraversa tutta la presa d'aria. Dietro, i gruppi ottici adesso sono a LED e il fascione paracolpi è più squadrato. Niente di nuovo, invece, per quanto riguarda l'estetica delle fiancate. Una delle novità più salienti introdotte dal restyling si trova all'interno: si tratta del nuovo sistema d'infotainment, ora dotato di un display capacitivo in vetro che, nella versione Columbus, arriva a 9,2 pollici e può integrare una SIM card per la navigazione su Internet, oltre che funzionare da hotspot WI-FI. Arriva poi l'integrazione con gli smartphone tramite Apple CarPlay, Android Auto e Mirror Link.


Anche la dotazione di sicurezza della Skoda Octavia viene arricchita con nuovi sistemi di ausilio alla guida, come ad esempio il park assistant e il sensore predittivo per la protezione dei pedoni. Dove la Octavia non cambia è nella versatilità dei suoi interni: la berlina, che mantiene il pratico portellone, ha un bagagliaio da ben 590 litri, mentre quello della Wagon parte da 610 litri e sale a 1.740 con il divano abbattuto. Nessuno stravolgimento neanche sul versante della gamma motorizzazioni, con al vertice il 2.0, sia diesel che benzina. Il cambio automatico DSG è disponibile su quasi tutti i propulsori, mentre la trazione integrale solo sul diesel più potente. I prezzi partono da circa 20.000 euro per la Octavia berlina con il 1.0 TSI e salgono a 24.000 euro per il 1.4 turbo a metano. Per quanto riguarda i diesel, si vai 21.500 euro per il 1.6 da 90 CV, si passa dai 24.000 euro per lo stesso con motore con potenza da 115 CV e si arriva ai 25.500 euro per il 2.0 da 150 CV. Per la versione Wagon bisogna considerare circa 1.000 euro in più.

Fotogallery: Skoda Octavia Scout, una storia di famiglia