Composto da 25 membri darà un contributo in materia di nuove tecnologie

Il numero uno della General Motors farà parte insieme a 24 esperti di un inedito comitato consultivo, istituito dal Dipartimento dei Trasporti (DOT) statunitense per analizzare l'impatto e le applicazioni delle tecnologie di automazione, comprese quelle per la guida autonoma, che verranno utilizzate in forma sempre più massiccia dalle automobili, dagli autobus, dai treni, dagli aerei e dai droni. I membri del collegio si riuniranno per la prima volta lunedì 16 gennaio e inizieranno a discutere su alcune delle novità attese nel prossimo futuro, sulle quali il Dipartimento non si è ancora espresso: l'opinione degli esperti sarà determinante e fornirà una base in vista dei futuri interventi del legislatore. Il DOT è analogo per funzioni al Ministero dei Trasporti.


L'impegno del Dipartimento fa seguito alla pubblicazione del rapporto *Beyond Traffic 2045*, secondo il quale fra 28 anni il volume in termini di spostamenti a livello statunitense crescerà di 40 volte. I tre co-presidenti del comitato sono Mary Barra, presidente e amministratore delegato della General Motors, eletta nel tre anni fa Donna più potente al mondo; Eric Garcetti, sindaco di Los Angeles; J. Chris Gerdes, professore di ingegneria presso l'università di Stanford. Del concilio fanno parte anche – fra gli altri – un manager della società Hyperloop, il responsabile per gli Stati Uniti di Uber, la fondatrice di una società attiva nella consulenza per questioni legate alla sicurezza (Safety Reliability Methods) e dirigenti di grandi società attive nel settore delle tecnologie (Amazon, Apple, Waymo o della componentistica, come Delphi.

Uber, dopo un incidente stop ai test sulla guida autonoma