Sarebbe più potente ed estrema della R8, per sfidare la Mercedes-AMG Project One

L'importante è non chiedersi il perché, il perché di questa escalation di potenza e di estremizzazione del concetto di sportiva, al punto che il termine supercar non basta più e, non a caso, si parla di hypercar. Una "follia" collettiva dalla quale, pare, potrebbe essere contagiata anche Audi, per rispondere alla Mercedes-AMG Project One e alla Aston Martin AM-RB 001, ovvero le versioni "civili" delle monoposto di F1, rispettivamente delle scuderie Mercedes e Red Bull.


Una "rivincita" per l'abbandono a Le Mans


Audi, che in F1 non si è mai avventurata, non vuole però essere da meno. La tecnologia peraltro non le manca, visto che dal 2000 al 2015 ha vinto per ben 13 volte la 24 Ore di Le Mans e che la vettura per il 2017 era già fatta e finita: solo le decisioni politiche dei vertici del Gruppo VW di cui fa parte le hanno impedito di andare a caccia del 14° trionfo. Insomma, se Mercedes e Aston Martin giocano pesante, Audi - nello specifico la sua divisione Audi Sport, che si occupa tra le altre cose della realizzazione della R8 - pare intenzionata a fare altrettanto. A confermarlo, anzi, a non smentirlo, è stato lo stesso capo di Audi Sport Stephan Winkelmann (ex Presidente e CEO di Lamborghini), in occasione di un'intervista alla 12 Ore GT3 di Bathrust.


Più estrema delle Ferrari, McLaren e Porsche più estreme


Per tornare alla domanda iniziale, in realtà uno scopo ce l'hanno, progetti come questo, ed è anche ben definito: innalzare il valore percepito del brand. Un'operazione già intrapresa in passato con la R8 e che in questo si riproporrebbe a un livello ancora più elevato. Così elevato che persino la Ferrari LaFerrari, McLaren P1 e la Porsche 918 Spyder dovrebbero stare a guardare… In attesa, ovviamente, di risposte adeguate

Audi R18, ibrida e pronta per Le Mans 2016