La muscle car è stata messa alla prova sul tracciato di Papenburg

La Camaro ZL1 non è sicuramente passata inosservata; di lei ne avevamo parlato quando nell’ottobre 2016 ha girato al Nurburgring in 7’29’’60, suscitando non poche discussioni tra gli appassionati con un tempo di circa 3 secondi migliore rispetto all’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio (che però è una berlina e non una coupé). Ora la muscle car è tornata a far parlare di sé perché GM ha reso noti alcuni dati importanti come velocità massima, accelerazione e forza g in curva, a sottolineare che i tempi in cui le auto americane venivano etichettate come "poco sofisticate" sono ormai acqua passata.


Partiamo dal dato della velocità massima: la Camaro è stata testata sul tracciato ovale di Papenburg, in Germania, dove ha tenuto la media di 198 miglia orarie (318 km/h) su un tratto di 12.300 metri. Per considerare la variabile del vento la prova è stata svolta in entrambe le direzioni: nel primo tratto lanciato la velocità è stata di 325 km/h, nel secondo di 311. L’accelerazione non è da meno; la ZL1 ferma il cronometro nello scatto da 0 a 60 miglia (circa 97 km/h) dopo 3,5 secondi e completa il famoso "quarto di miglio" in 11,4 secondi, con una velocità di uscita di ben 204 km/h. Come ha dimostrato in pista la Camaro non è solo "muscoli", la spinta laterale massima generata in curva è stata di 1,04 g. Tutte le prove sono state effettuate con l'auto in configurazione standard, ad eccezione delle dotazioni di sicurezza obbligatorie per il tracciato e le apparecchiature di rilevazione dei dati.

Chevrolet Camaro ZL1: fatevi sotto [VIDEO]

Foto di: Adriano Tosi